Anno 3°

martedì, 22 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Don Stefano contro Salvini: "Con una mano si esibisce il vangelo e con l’altra viene respinta una nave carica di naufraghi"

mercoledì, 22 maggio 2019, 14:36

Con una lettera aperta, pubblicata su Il Giornale di Barga, il proposto don Stefano Serafini ha voluto commentare il gesto del ministro dell'interno Matteo Salvini che giorni fa, in un comizio in piazza del Duomo a Milano, dal palco di “Prima l’Italia, il buonsenso in Europa”, ha invocato i patroni d’Europa e baciato il rosario.

Ecco la lettera aperta integrale diffusa dal parroco barghigiano:

"Carissimi paesani di Albiano e del comune di Barga,

ho accolto la richiesta fatta da ogni schieramento politico di utilizzare la Saletta parrocchiale di Albiano per poter incontrare la gente del luogo in questo periodo pre-elettorale.

Sapevo che facendo questo venivo meno ad una regola ecclesiale che vieta di dare spazio nelle nostre strutture ad eventi di matrice partitica.

Visto la richiesta unanime per una proposta inerente al nostro territorio come le elezioni amministrative e che esprimeva la “par condicio” dando a tutti la possibilità di ascolto e confronto con la popolazione, ho dato questa possibilità consapevole che ad Albiano non ci sono altri spazi privato – pubblico se non questa saletta.

Considerando che in questi ambienti si educa ai valori del Vangelo e della Fede, tengo a precisare il mio disappunto sui fatti ultimi manifestati da un politico che in un comizio elettorale, ha baciato il Rosario, invocato i santi patroni d’Europa e affidato l’Italia al Cuore immacolato di Maria per la vittoria del suo partito.

Mi domando: come è possibile accettare questo ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica del nostro Paese dei diritti umani?

Con una mano si esibisce il Vangelo e con l’altra viene respinta una nave carica di naufraghi.

Condivido la reazione di tanti confratelli e credenti richiamando la coscienza cristiana di tutti a scuotersi con sdegno e umiliazione perché ancora una volta qualcuno si proclama alfiere del cattolicesimo,  ma di un cattolicesimo tutto suo, “politicizzato” e contraddittorio, piuttosto distante dal magistero del Papa e della Chiesa universale e italiana.

Se non si può discutere la fede che ciascuno afferma di avere, neppure è lecito deformare il messaggio evangelico.

Ci indigna profondamente l’utilizzo strumentale del rosario chiedendo voti alla Madonna. Rosario che è segno della tenerezza di Dio, macchiato dal sangue dei migranti che ancora muoiono nel Mediterraneo: 60 la settimana scorsa, nel silenzio dell’indifferenza del mondo. Con il Rosario si prega ma non si fanno i comizi.

Il Rosario usato a fini elettorali  non rispetta la serietà della fede e ferisce i credenti.

La preghiera non può essere usata a fini strumentali.

Il comandamento di non nominare il nome di Dio invano chiede di non usarlo per i propri scopi: la coscienza critica e il discernimento dovrebbero aiutare a capire che non è un comizio politico il luogo per fare litanie in nome di orientamenti con i quali il Vangelo di Gesù non ha nulla a che fare.

Noi cristiani cattolici portiamo nel cuore il Vangelo che non scende a compromessi né elettorali né di svendita becera dei piccoli in nome di qualsiasi altro idolo.

Ci nausea il richiamo alla vittoria elettorale in nome della madre di Gesù di Nazareth che cammina con gli “scarti” del mondo per innalzare gli umili. La carne di Cristo sulla terra. “Ero forestiero e mi avete accolto” (Mt 25,35).

Ci dà coraggio contro questa onda di disprezzo e disumanità, condividere il sogno di Dio: ridestare la speranza tra la gente che un mondo radicalmente altro, interculturale, aperto, inclusivo e solidale è urgente e dipende da ognuno di noi.

Da chi non tace e, con la determinazione della nonviolenza del Vangelo, grida con la sua vita che non ci sta con il razzismo dilagante di chi vuole stravolgere l’immagine vera del Dio della vita".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 22 ottobre 2019, 16:29

"Bandiera degli alpini un simbolo, non un trofeo"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del presidente della sezione Pisa-Lucca-Livorno, Domenico Bertolini, in risposta a quella pubblicata dal nostro giornale, il 15 ottobre, a firma del signor Paolo Da Prato


martedì, 22 ottobre 2019, 09:48

"Altro che chicane e sensi unici, più controlli in Via della Repubblica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di un commerciante di Fornaci di Barga che risponde con una "contro-proposta" a quella avanzata dal presidente del Cipaf CNN locale dopo i numerosi incidenti in Via della Repubblica


Prenota questo spazio


lunedì, 21 ottobre 2019, 19:16

Live casino, l’ultimo step evolutivo del gioco online

Non ci vuole certo un esperto per capire come il mondo del gioco d’azzardo, nel corso degli ultimi tempi, stia attraversando un periodo davvero d’oro. Diversi sono i motivi alla base di questa crescita continua: una tendenza che non accenna a diminuire anche nei primi sei mesi del 2019


lunedì, 21 ottobre 2019, 19:14

Le Mura Lucca, la trasferta di Costa Masnaga per trovare continuità

Obiettivo vincere e convincere: la non semplice trasferta in casa della neopromossa Limonta Sport Costa Masnaga, porta in dote a Le Mura Lucca la possibilità di cogliere due punti molto importanti in classifica, anche se a questo punto della stagione tutto conta relativamente


giovedì, 17 ottobre 2019, 09:13

Sara Aiello, quegli otto minuti per morire

Sono ormai anni che mi occupo di violenza contro le donne e che mi batto in prima linea per promuovere una campagna di informazione e prevenzione. Purtroppo però non è mai abbastanza


martedì, 15 ottobre 2019, 23:19

"L'Azzurro questa volta era... speciale!"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un lettore dopo lo storico esordio di stasera, con la maglia della Nazionale, di Giovanni di Lorenzo, calciatore originario di Ghivizzano