Anno 3°

venerdì, 18 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : una finestra su Roma

Perché la buona borghesia vota Pd? Qui Roma, quartiere Prati

sabato, 22 giugno 2019, 09:46

di barbara ruggiero

C'erano una volta a Roma tanti prati detti "Prati di Castello" con fiori ed osterie dove la gente andava a divertirsi, finché venne un giorno in cui i prati si ricoprirono di case e così nacque il rione Prati.

I grandi lavori edilizi della zona iniziarono nel 1888, ma la delibera comunale stabilì la costituzione del rione il 20 agosto 1921. La storia di questi prati è antica; risalgono topograficamente ai "prati neroniani" che andavano da Monte Mario al Tevere. I romani le conoscevano bene e nelle ottobrate vi andavano a fare merenda. La zona, tutta orti con qualche vigneto, era in realtà paludosa e malsana. Il rione Prati nacque dal reticolato geometrico del piano regolatore Viviani, di gusto piemontese: si voleva una "città europea" dai grandi viali e dalle grandi piazze, un rione di ironia anticlericale e massonica, che si traduceva nel fatto che la cupola di san Pietro non si sarebbe dovuta vedere da nessun luogo: infatti così è. Nel 1882 il Governo e il Comune stabilirono la costruzione delle caserme, la creazione di una piazza d'Armi, il sorgere di Palazzo di Giustizia. La zona vide una delle più grandi rivoluzioni urbanistiche nel periodo a cavallo della prima guerra mondiale e via Cola di Rienzo entrò da regina nella toponomastica romana quale vero, grande, tanto atteso "Corso di Roma". E come non ricordare viale Mazzini, un nome entrato nell’immaginario collettivo per la notorietà di “mamma Rai”, e così via Teulada, via Asiago, via Col di Lana, tutte strade nominate nei telegiornali e sui quotidiani nazionali. Fondamentalmente, in questi viali, non c è proprio nulla, se non la conferma che queste vie residenziali, un tempo tendenzialmente di destra, da anni invece sono patria di numerosi radical chic e intellettuali di sinistra.

Chi sono i radical chic di questo quartiere con oltre 18 mila residenti, spalmato fra Rai e Vaticano? Un abitante di via Cola di Rienzo, figlio di un noto avvocato penalista, stralunato e infastidito dalle domande, racconta: “Vivo in Prati da generazioni, mio padre mi ha comprato la casa che ero ancora un ragazzo, ho frequentato il liceo classico Mamiani e partecipato alle attività anti-fà sia a scuola che all’Università, ho una casa in Sardegna, non molto grande, in costa Smeralda, dove trascorro le vacanze. Sono dirigente d’azienda, ho un Suv e una moglie avvocato, ho due figli liceali che frequentano il quartiere, possiedono entrambi una Microcar, pago 5 assicurazioni, gli amici vengono spesso a cena, ho 220 mq qui al terzo piano, mia moglie è una splendida padrona di casa”. Alla domanda per chi ha votato nelle ultime elezioni politiche risponde con un sorriso: “Mica vorrà scherzare, ho votato partito democratico”.

Inutile dirlo, il quartiere pullula di questi personaggi radical chic, tutti Rolex e grandi firme, abiti sartoriali e Smart, benpensanti e schizzinosi, con riprovevole disgusto verso i “borgatari”, quelli delle periferie. In Prati distinguersi dal resto dei romani è un ordine, l’ostentazione continua di stile, benessere e gusti politici è un simbolo. Tutti rigorosamente di sinistra - se mai ancora si può chiamare così - perché gli intellettuali e la cultura appartengono solo a chi vota partito democratico. Qui il popolo Pd è uno zoccolo duro della città.

Basta guardare le ultime amministrative del 2016 dove, a resistere all’ondata M5S, sono stati solo il I e il II municipio (Prati e Parioli, l’altro quartiere bene di Roma): ultimi baluardi di una sinistra che può' dirsi, per il momento, cancellata, asfaltata, disintegrata, piallata, in tutte le sue facce, zingarettiana, turborenziana, orfiniana, calendaniana.

Insomma mentre i romani acclamavano vittoriosi il nuovo sindaco Virginia Raggi del M5S, gli abitanti di Prati piangevano lacrime amare. Anche se ora Virginia non è più tanto amata per via dell’irrisolta questione rifiuti.

E non parliamo delle elezioni politiche 2018: in Prati il centrosinistra ha ottenuto 324mila preferenze pari al 28,1% dei voti romani. Qui era candidato l’ex presidente del Consiglio Gentiloni , che ha fatto man bassa di consensi.

Insomma Prati, la zona della solidità, delle buone famiglie, del benessere diffuso, è dichiaratamente di sinistra. Quella sinistra annacquata in salsa liberal che ha come connotato un netto senso di superiorità morale. Essere di sinistra o pseudo sinistra, qui, ha un non so che di esclusivo e trendy, è l’emblema della diversità di classe e di potere, appartiene a quella contro logica che vedeva un tempo gli operai e i lavoratori baciare la falce e il martello in lotta continua proprio contro la borghesia. Oggi la situazione è decisamente capovolta, la borghesia di Prati si sente avvolta da concetti e paradigmi intellettualoidi, detentrice della cultura nazionale, essere di sinistra è ostentazione, è moda, è sentirsi diversi e migliori rispetto al popolo romano di periferia. Quello che, per intenderci, è tifoso accanito della Lega di Salvini.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


giovedì, 17 ottobre 2019, 09:13

Sara Aiello, quegli otto minuti per morire

Sono ormai anni che mi occupo di violenza contro le donne e che mi batto in prima linea per promuovere una campagna di informazione e prevenzione. Purtroppo però non è mai abbastanza


martedì, 15 ottobre 2019, 23:19

"L'Azzurro questa volta era... speciale!"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un lettore dopo lo storico esordio di stasera, con la maglia della Nazionale, di Giovanni di Lorenzo, calciatore originario di Ghivizzano


Prenota questo spazio


martedì, 15 ottobre 2019, 16:15

“Non ci hanno fatto sfilare con la bandiera storica degli Alpini: perché?”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera pervenuta alla nostra redazione dal paese di San Martino in Freddana, nel comune di Pescaglia, a firma del signor Paolo Da Prato


giovedì, 10 ottobre 2019, 12:21

Rudy Guede e Meredith Kercher “versus” Amanda Knox e Raffaele Sollecito: la faccia di Perugia di cui non si parla mai

Torna a far discutere, a ridosso dell'anniversario della morte di Meredith, uno dei protagonisti della mattanza verificatasi nella notte tra il 1 e il 2 novembre del 2007, al n. 7 di Via della Pergola


giovedì, 10 ottobre 2019, 08:43

I migranti arrivano in Vaticano, ma sono di bronzo

Il barcone dei migranti approda a Piazza S. Pietro, ma i migranti sono di bronzo.  Perché, per quanto riguarda i migranti in carne e ossa, nello stato Vaticano,  siamo all’anno zero. Infatti nei Sacri Palazzi ne sono ospitati solo dieci


mercoledì, 9 ottobre 2019, 13:34

Federico Mattiello: un barghigiano alla corte di Maran

Nel Cagliari che sta stupendo tutti in questo avvio di campionato (settimo in classifica a pari merito della Lazio sesta con 11 punti, tre vittorie e due pareggi) c'è un giocatore che deve ancora far vedere il meglio del proprio repertorio.