Anno 3°

venerdì, 18 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Lucca Comics & Games: il ruolo dei cosplayer

domenica, 4 agosto 2019, 18:33

Mancano solo pochi giorni all’apertura della prevendita dei biglietti per il Lucca Comics 2019, che si terrà da mercoledì 30 ottobre a domenica 3 novembre. La nuova edizione del festival sarà ispirata al tema del rapporto tra umani e androidi. A sottolineare e ad esaltare la bellezza della tematica è lo stesso manifesto, realizzato dall’illustratrice di graphic novel Barbara Baldi: mentre a troneggiare in primo piano è un bacio tra una donna e un androide, sullo sfondo è raffigurato il Teatro del Giglio, simbolo di tante edizioni del Lucca Comics. Sempre sulla base della stessa tematica sono stati organizzati i tanti incontri successivi; tra questi menzioniamo Cinzia, uno spettacolo teatrale incentrato sull’amore transessuale e a sua volta ispirato ad una graphic novel di Leo Ortolani. Guardando ai cosplay, invece, quali saranno gli eventi principali di questa edizione? Quali i più rappresentativi del passato?

Il ruolo e il successo crescente dei cosplay

Come da tradizione, anche quest’anno, nei giorni dedicati al Festival, le strade di Lucca si riempiranno di cosplayer che, per i profani, altro non sono che professionisti con costumi ispirati ai personaggi di cartoon, serie tv, fumetti o videogame preferiti. Nonostante abbia ormai raggiunto una certa notorietà, il successo dei cosplay è in realtà piuttosto recente e deriva, nello specifico, dal Giappone degli anni ’70, in cui i primi appassionati cominciarono a travestirsi da personaggi dei manga. Il fenomeno del cosplaying è ormai diffuso in tutto il mondo e, come anticipato, si è spinto ben oltre il mondo dei fumetti, fino ad interessare ambiti come quello del cinema e dell’iGaming. A fungere da ispirazione a molti cosplayer sono state, ad esempio, slot machine come Jurassic Park e Lara Croft, tra i titoli più apprezzati della piattaforma di intrattenimento online Betway Casino. Il personaggio di Lara Croft, in particolare, oltre ad essere stato più volte presente tra le strade del Lucca Comics, è sempre stato fonte di ispirazione per molte ragazze, tante da essere divenuto il protagonista indiscusso del Fansite ufficiale Tomb Raider Italia, dove sono raccolte le foto dei più bei cosplay di tutto il mondo. Per quanto riguarda Jurassic Park, invece, i cosplay più gettonati sono solitamente quelli ispirati ai protagonisti Alan Grant ed Ellie Sattler, anche se non mancano cosplayer che si ispirano a personaggi minori come l’etologa Sarah Harding e John Hammond, fondatore della società InGen e creatore di Jurassic Park. Cosa potremmo aspettarci quest’anno dal Festival?

Lucca e il Campionato Nazionale Cosplay

Come riportato sul sito ufficiale dedicato all’evento, Lucca Comics & Games 2019 ospiterà il Campionato Nazionale Cosplay (CNC), uno degli eventi più importanti d’Italia dedicato all’arte del cosplaying. Il vincitore verrà premiato sul palco del Festival domenica 3 novembre con un contratto fornito da Epicos: oltre a poter partecipare di diritto all’edizione 2020 del Lucca Comics, gli sarà concessa la possibilità di essere Presidente di Giuria del contest in almeno cinque diverse manifestazioni. Oltre alla finalissima, poi, in data 2 novembre si terranno due altri eventi dedicati al mondo dei cosplayer: una sfida promossa da Star Comics dedicata ai migliori travestimenti in onore de “Le bizzarre avventure di JoJo”, manga del 1987 di Araki, e un evento dedicato ai migliori cosplayer degli eroi Marvel. Più in generale e guardando alle tendenze degli anni passati, invece, emerge come siano sempre più gettonati i cosplay di coppia, che finiscono per coinvolgere anche figli e famiglie. Tra questi, molti travestimenti dedicati a Mary Poppins e altrettanti dedicati alla serie tv Netflix “La casa di carta”. Sempre per l’ambito serie tv HBO e Netflix, grandi protagonisti sono anche i cosplay dei personaggi di Game of Thrones, Stranger Things e The Walking Dead.

Come evidente, non c’è ambito che non possa influenzare i cosplayer: a seconda delle tendenze del momento, o sulla base delle proprie passioni, l’arte del travestimento resta la protagonista indiscussa del Lucca Comics & Games. Non serve essere degli esperti del travestimento e del trucco curato nei minimi dettagli per essere definito un cosplayer; anche i principianti, o i fan di un determinato personaggio o di una ben precisa serie tv possono divenirlo, con un minimo di impegno. Basta metterci tutta la propria passione e la propria fantasia

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


giovedì, 17 ottobre 2019, 09:13

Sara Aiello, quegli otto minuti per morire

Sono ormai anni che mi occupo di violenza contro le donne e che mi batto in prima linea per promuovere una campagna di informazione e prevenzione. Purtroppo però non è mai abbastanza


martedì, 15 ottobre 2019, 23:19

"L'Azzurro questa volta era... speciale!"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un lettore dopo lo storico esordio di stasera, con la maglia della Nazionale, di Giovanni di Lorenzo, calciatore originario di Ghivizzano


Prenota questo spazio


martedì, 15 ottobre 2019, 16:15

“Non ci hanno fatto sfilare con la bandiera storica degli Alpini: perché?”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera pervenuta alla nostra redazione dal paese di San Martino in Freddana, nel comune di Pescaglia, a firma del signor Paolo Da Prato


giovedì, 10 ottobre 2019, 12:21

Rudy Guede e Meredith Kercher “versus” Amanda Knox e Raffaele Sollecito: la faccia di Perugia di cui non si parla mai

Torna a far discutere, a ridosso dell'anniversario della morte di Meredith, uno dei protagonisti della mattanza verificatasi nella notte tra il 1 e il 2 novembre del 2007, al n. 7 di Via della Pergola


giovedì, 10 ottobre 2019, 08:43

I migranti arrivano in Vaticano, ma sono di bronzo

Il barcone dei migranti approda a Piazza S. Pietro, ma i migranti sono di bronzo.  Perché, per quanto riguarda i migranti in carne e ossa, nello stato Vaticano,  siamo all’anno zero. Infatti nei Sacri Palazzi ne sono ospitati solo dieci


mercoledì, 9 ottobre 2019, 13:34

Federico Mattiello: un barghigiano alla corte di Maran

Nel Cagliari che sta stupendo tutti in questo avvio di campionato (settimo in classifica a pari merito della Lazio sesta con 11 punti, tre vittorie e due pareggi) c'è un giocatore che deve ancora far vedere il meglio del proprio repertorio.