Anno 3°

venerdì, 17 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"2020, l’anno che verrà"

martedì, 14 gennaio 2020, 10:04

di loreno bertolacci

Cari amici (e non) delle Gazzette vi scrivo, dopo un breve periodo di “silenzio stampa” da parte mia. Ma la voglia di scrivere prevale su qualsiasi cosa e allora si riprende a scrivere, con maggiore entusiasmo di prima.

La nota canzone di Lucio Dalla calza a pennello per descrivere lo stato d’animo di questo fine anno e dell’anno, sempre tanto atteso, che ci aspetta. Le festività appena trascorse hanno rappresentato per tutti (o quasi) un giusto momento di riposo, con scambi di auguri spesso colmi di ipocrisia e di retorica. Ci siamo augurati tanta serenità per il prossimo anno, quella serenità che tutti anelano ma che mai arriva, neppure quando viene augurata dai politici di lungo corso che fanno a gara a farsela tradendo anche la fiducia, quasi sempre mal riposta, di tutti noi.

Un anno trascorso il 2019 ricco di notizie importanti nella nostra valle, dal pirogassificatore alle elezioni comunali per arrivare ai vari fatti di cronaca locale. Però nulla è cambiato, nulla cambia e forse nulla cambierà. Anche se, grazie anche al modo di fare giornalismo delle Gazzette, qualche cosa negli animi più sensibili si smuove.

Cari amici (e non) vi scrivo così mi distraggo un po’, sempre parafrasando la nota canzone. Mi distraggo un po’ dalla vita quotidiana, fatta di amarezze e di tanta brava gente ma anche di tante persone dalle quali avresti preso il perdono (nel vero senso della parola) e invece si sono rivelate quello che non avresti mai pensato. Mi distraggo un po’ dai problemi quotidiani pensando che qualche cosa di buono possa dare una testata giornalistica dove si scrive in libertà, senza le costrizioni di un sistema che ti vuole indicare come descrivere fatti o argomenti. O spesso non te li fa proprio scrivere per non molestare quell’equilibrio ormai labile costituito in anni di potere. Qualche cosa sembra stia cambiando e tutti se lo augurano, in silenzio però, senza darlo tanto a vedere.

“Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno… e senza tanti disturbi qualcuno sparirà, saranno forse i troppo furbi e i cretini di ogni età”. Tutti ci auguriamo forse questo, un avvicendamento nello scenario locale, nella vita, anche politica, dei personaggi che per anni sono rimasti lì, incollati alle poltrone. Una volta si chiamava “alternanza democratica”, ora si può definire “giusto ricambio di facce troppo note” che non significherà forse migliorare qualche cosa, ma senz’altro si metteranno in gioco altre persone, facce nuove che perlomeno in un primo momento ci auguriamo portino nuove idee e si diano da fare.

“L’anno che sta arrivando, conclude la nota canzone, tra un anno passerà ed io, come tutti noi, ci stiamo preparando, forse a qualche cosa di nuovo e a qualche cambiamento, questa forse questa è la sola novità. Non perdere mai la speranza per qualche cosa che rinnovi la nostra vita e la migliori, con la fiducia e la consapevolezza che onestà intellettuale e correttezza alla fine premiano, in qualsiasi situazione e in qualsiasi ruolo.

“Vedi (vedete) caro(i) amico(i) cosa si deve inventare, per poterci ridere sopra, (e soprattutto) per continuare a sperare. E se quest'anno poi passasse in un istante, vedi amico mio come diventa importante che in questo istante ci sia anch'io”. La dice lunga questa canzone. Quindi è importante che ci siamo anche noi, con le nostre Gazzette, a rendere ancora più importante e intrigante “l’anno che verrà”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


mercoledì, 15 gennaio 2020, 19:28

"Pullman fuori strada, ricostruzioni inesatte"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del sindaco di Camporgiano Francesco Pifferi in merito all'incidente occorso ieri mattina al pullman a Casciana


sabato, 11 gennaio 2020, 15:15

Piero Angelini ricorda Lando Baldassari

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo ricordo dell'ex sindaco di Pescaglia Lando Baldassari inviatoci da Piero Angelini che ripercorre le tappe politiche all'interno della Dc


Prenota questo spazio


venerdì, 3 gennaio 2020, 18:01

“Maialini uccisi, gravi le accuse mosse nei miei confronti”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Mario Giuseppe Coltelli, presidente della sezione ENAL CACCIA PT di Vagli, in risposta a quella pubblicata oggi a firma di Sauro Piagentini, capo della squadra locale di caccia al cinghiale, sulla ben nota vicenda degli ibridi uccisi durante una battuta di caccia


venerdì, 3 gennaio 2020, 10:36

"Maialini uccisi, la mia squadra rispettosa delle norme e dei regolamenti vigenti"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Sauro Piagentini, capo della squadra di caccia al cinghiale di Vagli, che torna sulla vicenda relativa alla battuta di caccia in zona “Penna del Sasso” e risponde alla lettera di Mario Giuseppe Coltelli, presidente della sezione locale Enal Caccia Pt


giovedì, 2 gennaio 2020, 09:14

Omicidio Elena Ceste: tutto quello che non sapete

Ci sono condanne che lasciano non pochi angoli deserti e rendono complicato silenziare i fantasmi del dubbio. Sono le storie che iniziano da una fine o, per meglio dire, da un fine pena mai. La vicenda giudiziaria che torno a raccontarvi è quella di Michele Buoninconti


mercoledì, 1 gennaio 2020, 13:14

"Maialini uccisi a Vagli, ecco la verità”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Mario Giuseppe Coltelli, presidente della sezione ENAL CACCIA PT di Vagli, in merito alla vicenda degli ibridi uccisi durante una battuta di caccia in zona “Penna del Sasso”