Anno 3°

mercoledì, 8 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : sulla scena del crimine

Sergio de Simone: il bambino torturato durante la Shoah

lunedì, 27 gennaio 2020, 12:33

di anna vagli

«Se volete raggiungere le vostre mamme, fate un passo avanti» 

La ricordiamo tutti quell’immagine in bianco e nero con i bambini trincerati dietro un filo spinato. Occhi persi nel vuoto, occhi che raccontano l’orrore vissuto nel campo di concentramento di Auschwitz. Bambini strappati a tutto ciò che la vita di bello e gioioso può offrire. Storie di bambini che non ce l’hanno fatta. Storie e vite di chi ha avuto come unica colpa quella di essere nato nel momento storico sbagliato. Eccezionalmente quest’anno, non avendolo mai fatto prima, ho deciso di dedicare il numero della mia rubrica a uno in particolare di quei ragazzini.

Lui si chiamava Sergio de Simone e la sua storia è una delle più agghiaccianti che la Shoah porta con sé.

Sergio – insieme ad altri 19 ragazzini – è infatti rimasto vittima della follia del dottor Kurt Heissmeyer, passato alla storia per i suoi abominevoli esperimenti medici. A fare da sfondo a questa storia, lo dicevamo, è il campo di concentramento di Auschwitz e la voce narrante di questa triste vicenda è un altro medico, Mengele.

Quest’ultimo, con indosso un camice bianco, invitava i bambini della foto a fare un passo avanti per raggiungere la propria mamma. Sergio, che veniva dalla Risiera, ha ben in mente le parole pronunciate dalle cugine la sera prima: “Mi raccomando se ti chiedono di fare un passo avanti per vedere la mamma non farlo”. Sergio ci prova a resistere. Impiega tutta la sua buona volontà. Ma la voglia di vedere la persona che lo ha messo al mondo e che lo ha accompagnato nella sua breve vita è troppo forte. Non sa come fare, Sergio, fino a quando la sua amichetta Mania fa quel maledetto passo in avanti. Sergio, Mania e gli altri bambini schierati con loro dietro quel filo vengono ingannati nel modo più ignobile e vile che si possa immaginare. Nessuno di loro vedrà mai più la mamma. Ognuno di loro, al contrario, cadrà sotto le grinfie del medico Kurt Heissmeyer. Quest’ultimo, fallito non solo come uomo, ma anche come medico, inietterà in ogni ragazzino il bacillo della tubercolosi per sperimentare cure che mai troverà. Sergio, Mania e tutti coloro che quel giorno avevano espresso il desiderio di riabbracciare la loro mamma, verranno rinchiusi in una scuola di Amburgo, torturati e uccisi nel modo più raccapricciante che possa esserci. Come può un essere umano arrivare a tanto? Per occultare quello scempio Kurt e la sua “equipe” decisero di appendere i cadaveri a ganci da macellaio per poi bruciarli nei forni crematori con l’intento di eliminare qualsiasi traccia.

La storia di Sergio, arrivato ad Auschwitz nell’aprile del 1944, è emersa grazie ad un’attività di ricerca incessante portata avanti dal giornalista tedesco Schwarberg. Schwarberg aveva infatti denunciato i fatti sul quotidiano Stern per il quale scriveva. Ripercorrendo dettagliatamente tutta la vicenda, sottolineava come nel processo “Curio-Haus” celebrato nel 1946 per punire proprio responsabili degli orrori di Amburgo, Kurt Heissmeyer ne fosse uscito impunito. Nel silenzio dei servizi segreti, quest’ultimo aveva continuato a svolgere la sua attività di medico anche dopo la fine della guerra. Il suo arresto intervenne soltanto nel 1963, quando venne condannato per crimini contro l’umanità. Morì in carcere “solo” nel 1967.

Il giornalista tedesco che aveva scoperto l’inferno aveva più volte provato a contattare anche la madre di Sergio. Lei era riuscita a salvarsi, ma non aveva mai voluto saperne di quei racconti. Era sicura che il suo bambino sarebbe tornato a casa.

Oggi la giornata è un po’ più dura. Non dobbiamo mai dimenticarci di ricordare. Ricordare Sergio e tutti i bambini che come lui non hanno più visto la luce.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 7 aprile 2020, 15:18

Come iniziare a guadagnare con le azioni Amazon

Amazon è la più grande azienda Internet per fatturato del mondo. Molti sostengono che il suo modello di business sia imbattibile e che le sue azioni possano portare guadagni fantastici


domenica, 5 aprile 2020, 18:02

Quando il virus non ha bisogno di bussare alla porta: muore strangolata dal fidanzato

Esistono case che sembrano studiate per rappresentare il palcoscenico della storia, di una storia. Ed esistono storie che iniziano da una fine come quella di Lorena Quaranta. Vittima di un virus che, nel suo caso, non ha avuto nemmeno la necessità di bussare alla porta ma si è palesato nelle...


Prenota questo spazio


sabato, 4 aprile 2020, 10:53

Quanti campioni sono nati o cresciuti lungo le sponde del Serchio?

Lungo il fiume Serchio sono nati e cresciuti dei veri e propri campioni, che hanno saputo dare molto alla storia del nostro Paese. Avremo a breve modo di poter ammirare qualche campione del futuro che è nato o nascerà lungo le sponde del Serchio?


sabato, 4 aprile 2020, 08:09

Gli angeli del pronto soccorso

Si conclude la rubrica "Cambiamento" del fotografo castelnuovese Tommaso Teora che documenta, tramite la pubblicazione giornaliera di due scatti messi a confronto, la trasformazione del capoluogo garfagnino prima e dopo l'emergenza Coronavirus, con un auspicio per il futuro


venerdì, 3 aprile 2020, 08:26

Divieto di circolazione

Penultimo episodio della rubrica "Cambiamento" del fotografo castelnuovese Tommaso Teora che documenta, tramite la pubblicazione giornaliera di alcuni scatti messi a confronto, la trasformazione del capoluogo garfagnino prima e dopo l'emergenza Coronavirus, con un auspicio per il futuro


giovedì, 2 aprile 2020, 15:24

Suicidi al fronte: non si muore solo di Covid-19

Daniela Trezzi, 34 anni, assegnata alla terapia intensiva dell’ospedale San Gerardo di Monza, si è tolta la vita lo scorso 21 marzo. Non sappiamo le condizioni in cui versava Daniela certo è che dopo aver scoperto di aver contratto il virus era sprofondata nel timore di aver contagiato altri pazienti