Anno 3°

giovedì, 9 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Testi delle canzoni con contenuti violenti in tv, un fatto vergognoso"

giovedì, 23 gennaio 2020, 18:03

di paola mazzoni

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Paola Mazzoni, presidente della Commissione provinciale Pari Opportunità, in merito alle recenti polemiche all'interno del Festival di Sanremo.

"La presidente e tutte le componenti della Commissione di Parità della Provincia di Lucca si uniscono a quanti, in questi giorni e in vari modi e forme, hanno espresso con rabbia e sconforto il disappunto nel vedere come la televisione pubblica o privata, sdogani con programmi in prima serata, diretti principalmente ad un'utenza familiare e giovane in particolare, con utilizzo del potentissimo mezzo della musica, dei cantanti che nei loro testi istigano alla violenza sulla donna in tutte le sue forme e a comportamenti antisociali.

Questa mancanza di analisi di testi, o al contrario la consapevolezza che quanto contenuto possa sollecitare dibattiti e quindi audience per promuovere programmi televisivi, è vergognoso.

Il testo è un messaggio, un comportamento, e chi fa informazione, intrattenimento, o diffonde musica, deve considerare le conseguenze che si possono ingenerare in un pubblico giovane fortemente condizionabile proprio perché per i teenager in particolare questi cantanti diventano per loro, ahimè, dei punti di riferimento culturale e sociale.

Noi non approviamo tale sistema e ci opponiamo a questo insensato e pericoloso metodo di scelta e promozione musicale, a maggior ragione se a diffonderle sono reti e canali tv che ospitano trasmissioni o interventi che, invece, puntano a tutelare il rispetto delle persone e a contrastare le violenze di genere siano esse fisiche o psicologiche. Tantissime associazioni, commissioni e istituzioni lavorano alla tutela e alla prevenzione di ogni forma di violenza incessantemente ogni singolo giorni e non è ammissibile che chi è tenuto a controllare, a vigilare, sui contenuti non lo faccia assolutamente. La tutela dei nostri bambini, ragazzi, adolescenti è un dovere.

Ognuno di noi ha il compito di evitare qualsiasi forma di strumentalizzazione che tenti di indebolire o vanificare l'impegno di coloro che sempre, in ogni momento, considerano bene primario il rispetto della persona e contrastano la violenza in ogni sua forma".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 7 aprile 2020, 15:18

Come iniziare a guadagnare con le azioni Amazon

Amazon è la più grande azienda Internet per fatturato del mondo. Molti sostengono che il suo modello di business sia imbattibile e che le sue azioni possano portare guadagni fantastici


domenica, 5 aprile 2020, 18:02

Quando il virus non ha bisogno di bussare alla porta: muore strangolata dal fidanzato

Esistono case che sembrano studiate per rappresentare il palcoscenico della storia, di una storia. Ed esistono storie che iniziano da una fine come quella di Lorena Quaranta. Vittima di un virus che, nel suo caso, non ha avuto nemmeno la necessità di bussare alla porta ma si è palesato nelle...


Prenota questo spazio


sabato, 4 aprile 2020, 10:53

Quanti campioni sono nati o cresciuti lungo le sponde del Serchio?

Lungo il fiume Serchio sono nati e cresciuti dei veri e propri campioni, che hanno saputo dare molto alla storia del nostro Paese. Avremo a breve modo di poter ammirare qualche campione del futuro che è nato o nascerà lungo le sponde del Serchio?


sabato, 4 aprile 2020, 08:09

Gli angeli del pronto soccorso

Si conclude la rubrica "Cambiamento" del fotografo castelnuovese Tommaso Teora che documenta, tramite la pubblicazione giornaliera di due scatti messi a confronto, la trasformazione del capoluogo garfagnino prima e dopo l'emergenza Coronavirus, con un auspicio per il futuro


venerdì, 3 aprile 2020, 08:26

Divieto di circolazione

Penultimo episodio della rubrica "Cambiamento" del fotografo castelnuovese Tommaso Teora che documenta, tramite la pubblicazione giornaliera di alcuni scatti messi a confronto, la trasformazione del capoluogo garfagnino prima e dopo l'emergenza Coronavirus, con un auspicio per il futuro


giovedì, 2 aprile 2020, 15:24

Suicidi al fronte: non si muore solo di Covid-19

Daniela Trezzi, 34 anni, assegnata alla terapia intensiva dell’ospedale San Gerardo di Monza, si è tolta la vita lo scorso 21 marzo. Non sappiamo le condizioni in cui versava Daniela certo è che dopo aver scoperto di aver contratto il virus era sprofondata nel timore di aver contagiato altri pazienti