Anno 3°

lunedì, 6 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Carte toscane: la prova tangibile del passaggio da tradizione a modernità

venerdì, 29 maggio 2020, 13:13

In Toscana, la tradizione e la modernità si fondono in varie direzioni, lasciando sempre incantati turisti, viaggiatori o più semplicemente gli abitanti stessi della regione, una tra le più folkloristiche d’Italia. Quando si pensa all’impatto delle usanze di una volta ancora oggi radicate nelle abitudini contemporanee, infatti, è impossibile non nominare una delle tradizioni più antiche e più forti: quella dei giochi di carte. 

Carte toscane e giochi tipici: dalla tradizione alla digitalizzazione

La Toscana possiede infatti una lunga storia di legami e collegamenti con le carte: basti pensare al fatto che è una delle poche regioni italiane ad avere un mazzo di carte da gioco specifico, quello toscano, anche se in alcuni casi si parla di carte fiorentine per rivolgersi a quelle diffuse nel territorio di Firenze, simili in tutto e per tutto a quelle toscane tranne che per le dimensioni, leggermente più grandi. Della Toscana non sono caratteristici solo i mazzi di carte, però, visto che anche i giochi di carte che si portano avanti in questa regione sono quelli tipici della tradizione centro italica: tra tutti spiccano sette e mezzo, briscola, rubamazzo, tressette e scopa. Chi ha la passione per i giochi di carte (toscani e non) avrà notato che giocare dal vivo non è più l’unico modo possibile per dedicarsi a queste attività: sono sempre più numerosi i metodi alternativi per divertirsi e, al tempo stesso, rimanere al passo con i tempi mentre si gioca. Ciò è possibile grazie alle versioni digitali dei suddetti giochi, a cui si può accedere tramite la presenza di casino online in grado di offrire i giochi della tradizione come sette e mezzo, in una versione moderna e completamente digitalizzata, insieme ovviamente a tutti gli altri giochi da casinò come le slot machine, la roulette, il blackjack e il baccarat. Giocare online è un buon modo per coniugare la tradizione e l’innovazione tecnologica: ancora una volta le carte toscane e i giochi tipici si dimostrano un punto fermo del folklore regionale italiano!

I mazzi di carte toscane: semi e particolarità commerciali

Le particolarità dei mazzi di carte toscane cominciano con l’aspetto stesso delle carte: a differenza di altri mazzi italiani, infatti, sono un curioso ibrido tra carte dai semi francesi (picche e fiori per i semi neri, cuori e quadri per i semi rossi, anche se questi ultimi in Toscana sono detti mattoni) e le figure dai nomi locali tipici, ossia il fante, detto gobbo, la regina detta donna e il re detto regio. I mazzi sono da 40 carte, va da sé perciò che i valori vadano dall’uno (rappresentato dall’asso) al sette per le carte con i semi e dall’otto al dieci per le carte con le figure. La produzione dei mazzi di carte toscane è stata lentamente sostituita con quella dei mazzi chiamati fiorentini (come anticipato differenziati per le dimensioni maggiori) verso gli anni ’60 del secolo scorso, e ciò ha creato non poca ambiguità dal punto di vista della denominazione, visto che le “nuove” fiorentine furono messe ugualmente in commercio col nome di “toscane”. Oggi è possibile trovarle facilmente anche tramite le piattaforme di shopping online, oltre che nelle tabaccherie e nei reparti dei supermercati più specializzati, anche se nulla è in grado di eguagliare il fascino dei vecchi mazzi presenti nei bar storici e nelle case di nonni e zii, consumati, ingialliti e senza tempo.

Le carte toscane continuano tutt’oggi a rappresentare una nutrita parte della storia folkloristica della regione, oltre che la testimonianza di usanze e abitudini di un tempo ormai passato: carte e giochi tipici, comprati al supermercato o utilizzati nelle versioni digitalizzate tramite le piattaforme online, rimangono sempre il segno di una tradizione indelebile.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


venerdì, 3 luglio 2020, 18:59

"No a soste a pagamento ai piedi delle Apuane"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera in cui il consiglio direttivo della Sezione CAI R. Nobili di Castelnuovo di Garfagnana esprime il proprio disappunto per la decisione presa dal comune di Stazzema circa la creazione di aree di sosta a pagamento ai piedi delle Apuane


venerdì, 3 luglio 2020, 14:44

"Votate Villa Ada, non abbandonatela!"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento dei gestori della pagina Facebook/Instagram 'Fotografando Bagni di Lucca' in merito alla promozione di Villa Ada


Prenota questo spazio


giovedì, 2 luglio 2020, 14:03

"Lavori acquedotto, basta insistere su un marciapiede già martoriato"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un commerciante di Castelnuovo, Cristiano Pedri, titolare del ristorante "La Rocca" in via Puccini, il quale lamenta lo stato del marciapiede di fronte alla sua attività anche a seguito dei continui lavori di manutenzione all'acquedotto


venerdì, 26 giugno 2020, 20:21

Cinghiali in Valfreddana, un cittadino si rivolge a Remaschi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta di un cittadino di Torre di Valfreddana, Giuseppe Nardi, rivolta all'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi sul problema degli ungulati


giovedì, 25 giugno 2020, 08:12

NurSind: "Ancora una volta slittano le promesse per il personale sanitario"

Riceviamo e pubblichiamo questo duro intervento della segreteria territoriale NurSind Lucca indirizzato all’Azienda USL Toscana Nord Ovest


martedì, 23 giugno 2020, 08:14

Confad: "Covid, persone con disabilità lasciate sole"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento a firma di Stella Radicchi, referente Confad per la Garfagnana e Valle del Serchio, e Laura Andrao, avvocato Confad per i diritti delle persone con fragilità