Anno 3°

sabato, 19 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Diventare un operatore umanitario di Medici Senza Frontiere: come fare

martedì, 11 agosto 2020, 00:30

Un operatore umanitario, un volontario, è chiamato angelo sulla terra che dà priorità alla vita degli altri e quando ha tempo pensa alla sua di vita. In realtà, non è così: un volontario di una Onlus è un semplice uomo o una semplice donna che guarda in faccia alla realtà, comprende le diverse sfaccettature della società e comprende l’importanza di un aiuto concreto.

 

I volontari aprono il loro cuore e donano amore a tante persone che necessitano di affetto e di cure per vivere giorno dopo giorno. Chi diventa volontario lo fa prima di tutto per se stesso, per uscire da una routine quotidiana che fa diventare ciechi e fa vivere una realtà monotona. Aiutando gli altri, una persona aiuta anche se stessa a vivere meglio, a vivere con dei sentimenti positivi e conosce meglio la sua personalità.

 

Diventare operatori umanitari non è semplice, è necessario avere tanta forza di volontà e la capacità di sopportare e vedere ogni giorno le ingiustizie che persone meno fortunate vivono quotidianamente a casa loro. Ma vivere per fare del bene agli altri e combattere le proprie paure e i propri limiti per salvare vite, significa vivere davvero.

 

Come diventare un operatore umanitario di Medici Senza Frontiere

 

Sono tante le associazioni umanitarie italiane che aiutano persone in difficoltà nei paesi colpiti dalla povertà, dalla guerra e dalle epidemie. Medici Senza Frontiere è una realtà italiana attiva da tanti anni e conta su 3.000 operatori umanitari provenienti da tutto il mondo che donano il loro aiuto in 72 paesi.

 

Diventare volontario MSF significa offrire tutta la propria esperienza e cura alle popolazioni bisognose presenti in tutto il mondo, lavorando fianco a fianco con il personale medico e paramedico e seguendo le indicazioni dei logisti e dei management dei progetti.

 

I volontari MSF lavorano in condizioni dure, in zone di guerra ed estrema povertà, dove ogni sorriso è affiancato ad un problema da risolvere e dove la speranza non può mai cessare. Un semplice infermiere diventa un amico o una persona cara, il medico si trasforma in un angelo e tutti i volontari sono visti come segno di salvezza. Diventa volontario MSF e scoprirai cosa significa ricevere gratitudine e donare affetto in ogni istante e a chiunque.

 

 

Tutti possono diventare volontari presso le associazioni Onlus. MSF, ad esempio, è in costante ricerca di personale medico quali medici di medicina generale, ginecologi, chirurghi, anestesisti e pediatri.

 

Nelle zone di guerra e di povertà è fondamentale avere psicologi, infermieri, farmacisti, epidemiologici e infermieri strumentisti che lavorano a stretto contatto con i pazienti e sono sempre attivi durante il giorno.

 

Anche le persone che non hanno esperienze nel campo sanitario possono richiedere di diventare volontari e offrire la loro esperienza nella logistica, come coordinatori di progetto o coordinatori finanziari ma anche come professionisti esperti nel campo dell’igiene e dell’acqua.

 

Un operatore umanitario non lavora mai da solo ma è sempre inserito in una squadra ben organizzata e capace di prestare soccorso durante qualsiasi tipologia di crisi. In squadra è possibile risolvere velocemente i problemi e prestare soccorso nel minor tempo possibile, si acquisiscono nuove competenze e si apprende in poco tempo come comunicare con le persone del posto e come farsi capire.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


sabato, 19 settembre 2020, 17:35

"Latte San Ginese, la politica pensi di più ai contadini della Garfagnana"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Floriana Balducci, professoressa in pensione di Castiglione di Garfagnana, che punta i riflettori sulla decisione della San Ginese di non raccogliere più latte locale


venerdì, 18 settembre 2020, 19:46

"Noi precari della scuola, figli di un dio minore"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Oscar Pellegrini, del comitato docenti precari di Lucca, in cui si rende bene l'idea della situazione in cui si trova questa categoria in ambito scolastico


Prenota questo spazio


venerdì, 18 settembre 2020, 09:00

Omicidio Maria Pina Sedda: dopo 18 anni il marito chiede la revisione del processo

La storia che sto per raccontarvi accade in terra di Barbagia, ove marcato è il segno della tradizione arcaica e allo stesso tempo contemporanea, prepotentemente misteriosa e incantata come i suoi lunghi silenzi verdi


mercoledì, 16 settembre 2020, 09:32

Benvenuti nella quasi realtà. Nuovi scenari della realtà virtuale, aumentata, mista e soprattutto immersiva

Alcuni la definiscono un “quasi realtà” ovvero quell’esperienza che si vive all’interno di un mondo virtuale dove, attraverso l’emulazione della realtà è possibile di replicare situazioni simili o addirittura impossibili da esperire nella vita reale. Ma il quesito è: per cosa viene usata la realtà virtuale e cosa si intende...


martedì, 15 settembre 2020, 20:42

Champions League 2020/2021: chi insidierà il Bayern Monaco?

La Champions League si è conclusa qualche tempo fa con il trionfo del Bayern Monaco, ma è già altissima l’attesa per la nuova edizione. Ormai il dominio del Real Madrid, capace di aggiudicarsi tre edizioni di fila, è alle spalle


martedì, 15 settembre 2020, 15:22

Magia e tesori a Roccalberti

Decima puntata della rubrica a cura del dottor Manuele Bellonzi, originario di Barga, intitolata "Il Serchio ricorda": pillole della nostra storia