Anno 3°

sabato, 19 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

La festa della patrona, come tornare indietro nel tempo senza accorgersene

martedì, 8 settembre 2020, 08:43

di marco materassi

L'altro ieri, sei settembre, si è festeggiata la patrona di Vila Real: nostra Signora della Concezione.

Può sembrare una cosa normale, una ricorrenza religiosa, una data scritta in rosso sul calendario e invece no.

Vedere la chiesa illuminata, la gente seduta disciplinatamente in piazza, rigorosamente a distanza, le autorità civili e religiose, e sul palco si sono avvicendati diversi cantanti. Brani ovviamente religiosi ma anche tanti brani di fado.

Il genere musicale tipico portoghese, accompagnato da due chitarre l'artista spesso vestita con una scialla ha intrattenuto in un silenzio quasi irreale tutta la piazza. Note dolenti, a volte struggenti capace di arrivare direttamente al cuore.

Vi domanderete perchè questa cerimonia mi ha riportato indietro nel tempo. Perchè tanti anni fa, quando ero ancora un ragazzo, le feste del Patrono erano un momento di festa per tutto il quartiere. Sì per tutto il quartiere, dove ci si conosceva tutti, dove se c'era un problema in una famiglia, quello era il problema di tutto il quartiere, dove se non rientravi per cena, nessuna chiamava il 113 o si allarmava, perchè eri a mangiare dalla mamma del tuo migliore amico, senza prenotazione, perchè il " mangiare" magari non da cinque stelle era il migliore che potevi trovare. E senza cellulare non potevi avvertire, ma oltre magari ad uno scappellotto non rischiavi nulla di più.

Ecco qui il tempo sembra si sia in parte fermato, non solo perchè senza ora legale le giornate sembrano più lunghe, ma proprio per il senso di vivere la vita dei portoghesi.
Dopo quasi un mese vissuto qui tante cose cominci a capirle e a metabolizzarle.

Ovvio che il corona virus sia arrivato anche qua difatti si gira con la mascherina, non obbligatoria se mantieni la distanza, ma nei negozi sì. C'è però un modo diverso di vivere, forse un pò meno stressante.

Qui la vita, nonostante tante statistiche o indici, costa leggermente meno che in Italia, per certi prodotti fino circa ad un meno 20%. Il pesce per esempio lo trovi abbastanza facilmente ma quello buono o quello più ricercato costa leggermente meno che da noi, ma non così poi tanto.

La benzina per esempio è quasi ai nostri livelli, tanto che i portoghesi vanno a fare il pieno ad Ajamonte, cittadina spagnola che dista solo otto chilometri, e dove anche verdura e carne costano meno nei supermercati spagnoli.

Per il resto la vita è come da noi, per andare in banca si entra uno alla volta, e anche per gli uffici occorre la prenotazione.

La cosa che subito colpisce è il senso di sicurezza che trovi girando per le strade, anche di sera. Polizia che senza dare nell'occhio, controlla, evitando al massimo problemi.

Gente brava. cortese, che ti aiuta anche se il tuo portoghese magari è un pò maccheronico, che ti fa sentire a tuo agio e non uno "straniero".

E' questa la prima sensazione che provi, non ti senti uno di fuori, ti senti un pò come a casa tua.

Il tempo passa in fretta, le ore scorrono veloci, il clima è davvero splendido, insomma il Portogallo e Vila Real sono destinate ad essere una casa dove il tempo trascorrerà bene in attesa del primo rientro in Italia, mi ha accolto bene e io lo sento che chiunque qui può essere accolto bene, basta essere " normali", basta essere persone semplici, basta insomma essere gente normale. Un paese normale per gente normale.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


venerdì, 18 settembre 2020, 19:46

"Noi precari della scuola, figli di un dio minore"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Oscar Pellegrini, del comitato docenti precari di Lucca, in cui si rende bene l'idea della situazione in cui si trova questa categoria in ambito scolastico


venerdì, 18 settembre 2020, 09:00

Omicidio Maria Pina Sedda: dopo 18 anni il marito chiede la revisione del processo

La storia che sto per raccontarvi accade in terra di Barbagia, ove marcato è il segno della tradizione arcaica e allo stesso tempo contemporanea, prepotentemente misteriosa e incantata come i suoi lunghi silenzi verdi


Prenota questo spazio


mercoledì, 16 settembre 2020, 09:32

Benvenuti nella quasi realtà. Nuovi scenari della realtà virtuale, aumentata, mista e soprattutto immersiva

Alcuni la definiscono un “quasi realtà” ovvero quell’esperienza che si vive all’interno di un mondo virtuale dove, attraverso l’emulazione della realtà è possibile di replicare situazioni simili o addirittura impossibili da esperire nella vita reale. Ma il quesito è: per cosa viene usata la realtà virtuale e cosa si intende...


martedì, 15 settembre 2020, 20:42

Champions League 2020/2021: chi insidierà il Bayern Monaco?

La Champions League si è conclusa qualche tempo fa con il trionfo del Bayern Monaco, ma è già altissima l’attesa per la nuova edizione. Ormai il dominio del Real Madrid, capace di aggiudicarsi tre edizioni di fila, è alle spalle


martedì, 15 settembre 2020, 15:22

Magia e tesori a Roccalberti

Decima puntata della rubrica a cura del dottor Manuele Bellonzi, originario di Barga, intitolata "Il Serchio ricorda": pillole della nostra storia


martedì, 15 settembre 2020, 08:26

"Buon compleanno Consulta!"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera del direttivo della Consulta dei Giovani, firmata da Rebecca Moscardini, Gianmarco Bertolani e Fabio Biagioni, per festeggiare un anno dall'inizio dell'attività