Anno 3°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Latte San Ginese, la politica pensi di più ai contadini della Garfagnana"

sabato, 19 settembre 2020, 17:35

di floriana balducci

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Floriana Balducci, professoressa in pensione di Castiglione di Garfagnana, che punta i riflettori sulla decisione della San Ginese di non raccogliere più latte locale:

"Gentile redazione,

sono Floriana Balducci, professoressa in pensione, ed abito a Castiglione Garfagnana da ormai più di quaranta anni.

In questa strana estate targata Covid-19, ho ascoltato voci di politici nazionali, regionali, locali parlare e parlare. Ah, la retorica di mascherine, tamponi, discoteche, cultura, economia allo sfascio... Tutta roba vera e serissima. Poi di elezioni, realtà pressochè annuale del Bel Paese. In Toscana le regionali, combattute con ogni arma dappertutto...

E' così passata inascoltata la notizia della decisione della San Ginese, azienda casearia lucchese, anzi non più, che dai primi di luglio, due mesi fa, ha annunciato che non farà più raccolta del latte degli allevatori della zona di Lucca e della Garfagnana. In mezzo a virus e amministrative, cosa può una notiziola così? La Coldiretti si è mossa, forse qualche politico, a titolo personale per lo più, per il resto... nulla. Non interessa a nessuno, tranne che a chi vende il latte e campa facendo un mestiere assai disprezzato come il contadino. "Contadino" è diventato da qualche anno quasi un insulto; vuoi mettere come suona meglio "agricoltore" o "allevatore"?

Ieri si è chiusa, si fa per dire, la campagna elettorale per le regionali. Si fa per dire perchè arrivano valanghe di messaggi elettorali sui social. Bene. I contadini della Lucchesia han saputo ieri che no, la San Ginese non vuole più il loro latte, e noi in Garfagnana stiamo ad ascoltare le eterne promesse elettorali su viabilità, turismo, promozione della cultura del territorio, rilancio dei prodotti locali.

Quello che succede a molti garfagnini, che fanno i contadini, pardon i coltivatori e gli allevatori, non rientra nel programma. E poi ci dicono che andranno al potere, pardon ad amministrare, nel nostro interesse... Intanto un appello: non compriamo più il latte San Ginese".


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 27 ottobre 2020, 08:29

I miracoli della Madonna di Gragna

Sedicesima puntata della rubrica a cura del dottor Manuele Bellonzi, originario di Barga, intitolata "Il Serchio ricorda": pillole della nostra storia 


domenica, 25 ottobre 2020, 10:04

"Centrale idroelettrica sulla Lima, il momento della verità"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento, a firma di Liano Picchi (istruttore di kayak e fondatore del primo canoa club Val di Lima nel 1985) e Leonardo Di Sacco (presidente della Federazione Toscana Canoa Kayak), in merito alla centrale idroelettrica sulla Lima


Prenota questo spazio


domenica, 25 ottobre 2020, 09:26

“L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro”: ecco come il Governo rispetta la Costituzione

Il Comitato per l'Attuazione della Costituzione - Valle del Serchio compie un'analisi lucida, inappuntabile e, purtroppo, oggettivamente devastante di come la classe digerente italiana ha ridotto questo Paese


venerdì, 23 ottobre 2020, 21:26

"Gromignana, risolvere il problema delle due frane"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un cittadino, Marco Pellegrini, che punta i riflettori su due frane verificatesi nella piccola frazione di Gromignana nel comune di Coreglia Antelminelli


mercoledì, 21 ottobre 2020, 07:25

Tommaso Boggi, finalmente giornalista

Pubblichiamo questa brevissima missiva inviata dal neo giornalista pubblicista all'indomani del ricevimento del tesserino dell'ordine professionale: un messaggio simpatico e significativo


martedì, 20 ottobre 2020, 13:21

Quanti anni fa è nato il gioco della roulette?

La roulette è uno dei giochi d'azzardo noti e diffusi al mondo, le cui origini, però, non sono ancora del tutto chiare. Ciò che è sicuro è che i primi esemplari di palline destinate a ruotare nel disco apparirono a inizio ‘800, in Francia, come un derivato del gioco italiano...