Anno 3°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Noi precari della scuola, figli di un dio minore"

venerdì, 18 settembre 2020, 19:46

di oscar pellegrini

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Oscar Pellegrini, del comitato docenti precari di Lucca, in cui si rende bene l'idea della situazione in cui si trova questa categoria in ambito scolastico:

"E siamo ancora qui.

Ancora e come ogni anno. Precari.

In fila con il cuore e il cappello in mano. Davanti un ufficio o, come in tempo di COVID si impone, di fronte un monitor. A litigare con siti istituzionali che non funzionano, punteggi da ricalcolare, errori da segnalare e normative sibilline che neppure a livello centrale sono comprese per come vengono fornite. Intanto in tasca il telefono squilla. Sono i genitori, gli alunni e i colleghi che chiamano e chiedono. Ci dicono "Quando tornate"? "Perché non siete già qui?" "Abbiamo bisogno di voi". Ma da lassù pare che nessuno ci senta. A nessuno interessano le voci dei ragazzi e dei genitori né le nostre.

Perchè siamo Precari.

Insegniamo da anni, a volte decenni e non conta niente. Non cambia mai niente.

Ogni tanto ci nominano in televisione, sempre in vicinanza di qualche evento elettorale. Ci dicono che siamo importanti e saremo stabilizzati, ma poi nulla accade. Mai.
Aspettiamo percorsi abilitanti che non si istituiscono da anni, assunzioni in nome di norme europee che in Italia valgono meno delle favole che ci raccontano, concorsi che non si faranno e, se si faranno, saranno talmente difficili da consentire di assumere una percentuale ridicola. Così si risparmierà e rimarremo come siamo.

Precari.

Quelli che ogni anno finiscono in cattedra senza continuità didattica, sbalzati da una scuola all'altra costretti a discontinuità e incertezza, obbligati a prendere il primo incarico utile. Cercando il "posto libero" come topi sotto la pioggia. E ogni volta facciamo il nostro lavoro con passione e impegno: diamo istruzione, voti e sostegno ai nostri alunni ma, quando si parla di stato, sicurezza, stabilità, cambia tutto. Ci viene chiesto di dimostrare la bravura tramite concorsi impossibili, fatti apposta per non assumere. Quindi ci bocciano ma continuano a tenerci in cattedra. Perché siamo degni di insegnare, non di tutele legali.

Intanto attorno è il caos. Le campanelle suonano a orari ridotti per carenza di insegnanti. Le scuole vanno in Didattica a Distanza e gli alunni con disabilità vengono lasciati a casa perché non c'è organico. Perchè si richiedono prima i banchi che gli insegnanti. E comunque non arrivano entrambi.

E così chi ci rimette è tutta la società: da un'istruzione povera nasce solo povero futuro.

Intanto il telefono squilla ancora. Una fuga di notizie: forse le convocazioni ci saranno, forse entro fine mese... cancella gli impegni, rassicura i ragazzi, ricalcola i punti e tira la cinghia, con la disoccupazione, ancora qualche settimana.

Speraci e aspetta.

Adesso ci conoscete, siamo noi.

Siamo precari e non abbiamo scelta.

Ecco qualche dato: mancano quasi metà dei professori della materia nelle scuole superiori in tutta la provincia, hanno meno carenze solo i licei ma anche al classico manca l'insegnante di greco, così come allo scientifico quelli di matematica e fisica. Negli istituti professionali la situazione è assai peggiore con punte di assenza di metà del corpo docenti. Alla scuole medie e materne si oscilla tra percentuali intorno 20%-30% del corpo docenti. Sono rimaste scoperte ben 330 cattedre di sostegno su tutti gli ordini e gradi in tutta la provincia. Manca il personale ATA che deve sanificare con molta più accuratezza le classi. E' bene che le famiglie non siano ingannate dai proclami della ministra di cui i docenti ed il personale ATA ne chiedono a gran voce le dimissioni".


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 27 ottobre 2020, 08:29

I miracoli della Madonna di Gragna

Sedicesima puntata della rubrica a cura del dottor Manuele Bellonzi, originario di Barga, intitolata "Il Serchio ricorda": pillole della nostra storia 


domenica, 25 ottobre 2020, 10:04

"Centrale idroelettrica sulla Lima, il momento della verità"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento, a firma di Liano Picchi (istruttore di kayak e fondatore del primo canoa club Val di Lima nel 1985) e Leonardo Di Sacco (presidente della Federazione Toscana Canoa Kayak), in merito alla centrale idroelettrica sulla Lima


Prenota questo spazio


domenica, 25 ottobre 2020, 09:26

“L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro”: ecco come il Governo rispetta la Costituzione

Il Comitato per l'Attuazione della Costituzione - Valle del Serchio compie un'analisi lucida, inappuntabile e, purtroppo, oggettivamente devastante di come la classe digerente italiana ha ridotto questo Paese


venerdì, 23 ottobre 2020, 21:26

"Gromignana, risolvere il problema delle due frane"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un cittadino, Marco Pellegrini, che punta i riflettori su due frane verificatesi nella piccola frazione di Gromignana nel comune di Coreglia Antelminelli


mercoledì, 21 ottobre 2020, 07:25

Tommaso Boggi, finalmente giornalista

Pubblichiamo questa brevissima missiva inviata dal neo giornalista pubblicista all'indomani del ricevimento del tesserino dell'ordine professionale: un messaggio simpatico e significativo


martedì, 20 ottobre 2020, 13:21

Quanti anni fa è nato il gioco della roulette?

La roulette è uno dei giochi d'azzardo noti e diffusi al mondo, le cui origini, però, non sono ancora del tutto chiare. Ciò che è sicuro è che i primi esemplari di palline destinate a ruotare nel disco apparirono a inizio ‘800, in Francia, come un derivato del gioco italiano...