Anno 3°

sabato, 31 ottobre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Il regime del terrore

venerdì, 16 ottobre 2020, 09:29

di aldo grandi

Se non sono per me stesso chi sarà per me? Se sono per me stesso soltanto che cosa sono? Se non ora quando? E' un detto talmudico che rispecchia benissimo il dilemma della società contemporanea. Già, se non ora, quando? Se non ora, quando l'essere umano riuscirà a comprendere che se non è egli stesso a scendere in piazza per difendere i propri diritti e le proprie libertà nessun altro lo farà al suo posto? Viviamo, ormai, a tutti gli effetti in un regime del terrore al confronto del quale il 1984 di George Orwell è dilettantismo o quasi. Hanno soppresso ogni libertà per mesi e, adesso, tornano alla carica. Governano con la paura e la gente si fa condizionare in maniera spaventosa.

Nessuno, anche tra psicologi e psichiatri, ha il coraggio di denunciare pubblicamente quello che sta accadendo. Per un discorso di etica professionale, ma anche perché molti lavorano in collaborazione con pubbliche istituzioni o presso strutture sanitarie pubbliche. Ma a microfoni spenti non hanno problemi ad ammettere che quello che sta succedendo in questo paese - e in questa città quindi - è devastante: aumentano i pazienti con fobie parossistiche e non serve essere laureati o benestanti per essere in salvo. Mamme che non sanno come affrontare l'ansia da Covid-19 nella gestione dei figli, ragazzi che cominciano a percepire l'assurdità di dover rinunciare a vivere - nemmeno si trattasse di una guerra - per anni in nome di una presunta emergenza che, a loro, non sta dando alcun problema di carattere fisico. Ristoratori, gestori di locali pubblici, imprenditori, commercianti che sono costretti a chiudere, a imbottirsi di psicofarmaci, a non dormire la notte, a non avere più rapporti sessuali perché preda di ansie che non danno tregua.

Notate bene che, proprio come in 1984, quello che questo Governo sta cercando di inculcare nelle persone è il sospetto per l'altro foss'anche convivente, qualora non osservi le regole che il Sistema Unico Dominante impone a colpi di decreti amministrativi. Obiettivo neanche troppo velato della classe dominante è quello di stroncare ogni tipo di autonomia di pensiero e indipendenza di giudizio, in sostanza eliminare alla radice ogni forma di critica verso il potere costituito.

Il lockdown, ormai, è imminente ovunque. In Campania il governatore De Luca - un soggetto del genere sarebbe stato ideale nel ruolo di inquietante protagonista nei film horror di Dario Argento - ha già chiuso le scuole per dieci giorni e imposto una dittatura senza precedenti. Lo seguiranno, a breve, altri incapaci malati di protagonismo. Intanto la classe media è allo stremo, le partite Iva sono senza presente e senza futuro. I suicidi crescono, ma, in particolare, cresce il numero di coloro che non vedono, all'orizzonte, un senso da dare alla propria esistenza.

Il pessimismo, il bombardamento sistematico delle menti attraverso giornalisti il cui unico ruolo è essere il diffusore del Pensiero Dominante, stanno distruggendo una e più generazioni, instillando il terrore a piccole, ma significative dosi cosicché il nostro cervello memorizza questa angoscia e lo trasforma in una sorta di campanello di allarme in perenne stato di allerta. 

E' una dittatura. Peggio, molto peggio del fascismo poiché quello, al limite, era conclamato, mentre adesso l'uccisione delle libertà viene mascherato con il paternalismo e il senso di protezione verso i cittadini, tutti sciocchi e immaturi e non in grado di badare a se stessi.

Le forze dell'ordine, salvo, ci auguriamo, qualche sostanziale eccezione, sono diventate il braccio 'armato' della classe dominante, come sono sempre state, ma come, si sperava, non sarebbero state più. Invece non è così. Esse fanno, purtroppo, parte del sistema e non sono assolutamente disposte a rinunciare ai loro (sic!) privilegi per difendere non il Potere, ma la democrazia.

Nel frattempo il Paese si divide in due: da un lato chi ha lo stipendio garantito a fine mese qualunque cosa accada e, dall'altro, chi, al contrario, questa garanzia non ce l'ha. E, guarda caso, è proprio quest'ultima categoria che produce la ricchezza necessaria a sfamare la prima che, però, si dimentica troppo facilmente da dove arrivano i soldi con cui viene mantenuta. Come si fa a multare per centinaia di euro chi vuole, semplicemente, vivere a dispetto di allarmismi senza buonsenso?

Il 28 ottobre il (dis)ordine dei giornalisti ci processerà perché abbiamo dato degli assassini ai nostri governanti aggiungendo anche una frase poco edificante. Siamo stati denunciati da due delatori esattamente uguali a quelli che, secondo questo Governo, dovrebbero segnalare e denunciare i vicini di casa e tutti coloro che non rispettano i divieti. Siamo un paese di spie. Niente solidarietà, divisione e separazione assolute, individualismo spinto all'estremo, paure inconsistenti. Pare che, oggi, ci si ammali e si muoia solo di Covid. Bastardi. Dove sono finiti tutti gli altri malati, quelli terminali, quelli che hanno bisogno di cure particolari? Questo virus è il virus per eccellenza della società contemporanea, una società che si sciacqua la coscienza col volontariato, ma, in realtà, si rifiugia nell'egoismo e nell'ognun per sé, il Governo per tutti.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 27 ottobre 2020, 08:29

I miracoli della Madonna di Gragna

Sedicesima puntata della rubrica a cura del dottor Manuele Bellonzi, originario di Barga, intitolata "Il Serchio ricorda": pillole della nostra storia 


domenica, 25 ottobre 2020, 10:04

"Centrale idroelettrica sulla Lima, il momento della verità"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento, a firma di Liano Picchi (istruttore di kayak e fondatore del primo canoa club Val di Lima nel 1985) e Leonardo Di Sacco (presidente della Federazione Toscana Canoa Kayak), in merito alla centrale idroelettrica sulla Lima


Prenota questo spazio


domenica, 25 ottobre 2020, 09:26

“L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro”: ecco come il Governo rispetta la Costituzione

Il Comitato per l'Attuazione della Costituzione - Valle del Serchio compie un'analisi lucida, inappuntabile e, purtroppo, oggettivamente devastante di come la classe digerente italiana ha ridotto questo Paese


venerdì, 23 ottobre 2020, 21:26

"Gromignana, risolvere il problema delle due frane"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un cittadino, Marco Pellegrini, che punta i riflettori su due frane verificatesi nella piccola frazione di Gromignana nel comune di Coreglia Antelminelli


mercoledì, 21 ottobre 2020, 07:25

Tommaso Boggi, finalmente giornalista

Pubblichiamo questa brevissima missiva inviata dal neo giornalista pubblicista all'indomani del ricevimento del tesserino dell'ordine professionale: un messaggio simpatico e significativo


martedì, 20 ottobre 2020, 13:21

Quanti anni fa è nato il gioco della roulette?

La roulette è uno dei giochi d'azzardo noti e diffusi al mondo, le cui origini, però, non sono ancora del tutto chiare. Ciò che è sicuro è che i primi esemplari di palline destinate a ruotare nel disco apparirono a inizio ‘800, in Francia, come un derivato del gioco italiano...