auditerigi

Anno 3°

domenica, 24 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettere alla gazzetta

“Maltempo: ma quale “evento eccezionale”, le zone di montagna vittime di chi governa”

sabato, 2 gennaio 2020, 18:05

di liberiamo l'italia

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento del comitato popolare territoriale di Lucca di “Liberiamo l’Italia” che analizza il recente stato di grossa difficoltà in cui ci trova gran parte della Garfagnana a causa del maltempo:

“Diciamolo subito: gli enormi disagi che gli abitanti della Valle del Serchio stanno subendo in questi giorni, non sono il frutto di presunti quanto inesistenti "eventi eccezionali", quanto piuttosto di una manutenzione ridotta quasi a zero. Le interruzioni stradali, tra le quali quella di alcune strade provinciali, come pure le interruzioni di energia elettrica, sono il frutto della politica di questi anni. Una politica che da un lato ha tagliato i fondi alle province ed ai comuni; dall'altro ha consentito all'Enel privatizzata di ridurre al minimo i costi della gestione delle linee di distribuzione. Ed i risultati si vedono”.

Non ci si venga a raccontare che non è così. Se ormai lo stesso sfalcio della vegetazione lungo le strade provinciali avviene solo una volta all'anno, e magari solo d'autunno, una ragione ci sarà. Ma le centinaia di alberi che sono caduti erano già in situazione pericolante da tempo. Perché non si è intervenuti? Qui i casi sono due: o si è fatto finta di non vedere, e sarebbe gravissimo; o - come pensiamo - si è visto ma si è lasciato perdere per mancanza di personale e di fondi. In ogni caso la responsabilità politica è evidente. Se chi amministra non ha i mezzi per far fronte alle sue funzioni, avrebbe almeno il dovere di denunciarlo. Magari anche indicando le responsabilità: quella politica austeritaria targata Europa che tanti danni ha fatto al nostro Paese.

E invece no. Di fronte a quanto è successo, mentre tante comunità della montagna sono ancora isolate e senza energia elettrica (qualcuno da 48 ore, cioè dal primo pomeriggio del 31 dicembre), il presidente della Provincia, Luca Menesini, se ne è uscito con questa perla: «Siamo di fronte a un evento eccezionale che mette a dura prova la Valle del Serchio e che arriva a non molti giorni da un altro evento altrettanto eccezionale».

«Evento eccezionale», ma per favore... Qui ormai tutto è "eccezionale", così chi governa non avrà mai responsabilità alcuna. Se le temperature si abbassano un po' si parla di "freddo polare", se in estate fa caldo ci stiamo "africanizzando", un vento forte diventa un uragano ed un nubifragio un'immaginifica "bomba d'acqua". Ora ci tocca pure sentire che la nevicata di questi giorni in Garfagnana e nella Media Valle del Serchio sarebbe anch'essa eccezionale.

Venticinque centimetri di neve a 500 metri di altezza, quaranta centimetri a 900 metri, possono essere definiti "eventi eccezionali"? Suvvia, siamo seri. I responsabili di Provincia, Comuni ed Enel non si trincerino dietro ad un'eccezionalità che palesemente non c'è.

Ma il Menesini - ce la prendiamo con lui non perché sia peggiore di altri, ma perché la sua è un'autentica perla - parla addirittura di due eventi eccezionali in pochi giorni, riferendosi ovviamente alle piogge di inizio dicembre. Anche in quel caso, niente di eccezionale. Tant'è che la portata massima del Serchio a Borgo a Mozzano non è arrivata, nell'occasione, neppure a 1.000 metri cubi al secondo, quando tutti sanno che le piene pericolose sono quelle che raggiungono e superano i 1.500.

Sarebbe bene che chi amministra la smettesse di trincerarsi dietro la comoda tiritera degli "eventi eccezionali". Sarebbe bene che si assumesse le sue responsabilità. Che si battesse nei confronti dello Stato per avere i mezzi e le risorse (a partire dal personale) necessari per assolvere ai propri compiti.

Liberiamo l'Italia, che si batte per l'uscita del nostro Paese dalla gabbia europea, chiede la fine della politica dei tagli e delle privatizzazioni, unica strada per ricostruire tutto ciò che da anni si va distruggendo: dai livelli necessari di manutenzione per strade, linee elettriche e telefoniche, all'effettiva garanzia dei servizi essenziali per tutti i cittadini. Tutto ciò è tanto più necessario per gli abitanti delle zone interne e della montagna, zone per le quali è indispensabile l'adozione di una legislazione speciale con i relativi finanziamenti.

Di questo dovrebbero parlare gli amministratori, non dei fantomatici "eventi estremi" che sempre servono a coprire le responsabilità politiche. Di questo trucchetto di bassa lega davvero non se ne può più".


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


domenica, 24 gennaio 2021, 16:14

"Io, cittadino italiano, bloccato in Brasile da una settimana: grazie ministro Speranza"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera scritta da Giulio Simonelli, cittadino italiano bloccato da ormai una settimana in Brasile, indirizzata al ministro della salute Roberto Speranza:


venerdì, 22 gennaio 2021, 13:07

"Distretto rurale, un'opportunità per il territorio"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Giuseppe Nardi, di Torre in Valfreddana, che sollecita a cogliere l'opportunità di riconoscere un distretto rurale per lo sviluppo del territorio


Prenota questo spazio


martedì, 19 gennaio 2021, 11:44

"Neve in Garfagnana, no a taglio indiscriminato piante"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Liano Picchi di "Per Pro-Muovere" in merito alle ordinanze comunali che sono seguite al maltempo che ha creato notevoli disagi in Garfagnana


martedì, 19 gennaio 2021, 09:12

"Inquinamento dell'aria, installare centraline in Valfreddana"

Riceviamo e pubblichiamo questa nota di Giuseppe Nardi, di Torre in Valfreddana, sull'inquinamento atmosferico e sulla necessità di installare centraline di rilevamento in Valfreddana


lunedì, 18 gennaio 2021, 08:28

"Garfagnana 2021, odissea nella neve e nel buio"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento del Partito Comunista Italiano – Sezione Lucca e Valdiserchio in merito ai recenti disagi causati dalla neve e dal maltempo in Valle del Serchio


lunedì, 11 gennaio 2021, 18:29

"Scuola di Bagni di Lucca Villa senza riscaldamento"

Riceviamo e pubblichiamo questo breve intervento di Fiorenzo Recchia, prossimo candidato alle elezioni amministrative con la formazione politica "L'Alternativa", sulla mancanza di riscaldamento nella scuola di Bagni di Lucca Villa