Anno X

mercoledì, 8 dicembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche

Erbe aromatiche: quando raccoglierle e come conservarle per l'inverno

giovedì, 14 ottobre 2021, 17:57

Coltivare le erbe aromatiche in giardino o sul balcone è un'attività divertente e soprattutto utile perché permette di avere aromi freschi e pronti all’uso ogni volta che se ne ha bisogno in cucina. Ecco come conservarle dopo l'estate per averle a disposizione tutto l'anno.

 

 

Alcune piante aromatiche, come il basilico e il prezzemolo, sono stagionali mentre altre, come l'alloro, la salvia e il rosmarino, sono perenni e capaci di sopravvivere alle basse temperature se posizionate in luoghi ben protetti e riparati.

 

In entrambi i casi con l'arrivo dell'inverno smettono di produrre foglie: utilizzarle fresche è sicuramente un valore aggiunto per le nostre ricette ma, visto che non si può fare tutto l’anno, la soluzione migliore è conservarle nel modo giusto per preservarne a lungo l'aromaticità e le caratteristiche organolettiche.

 

Per averle a disposizione tutto l'anno possiamo scegliere tra l’essiccazione e il congelamento, due tecniche di conservazione semplicissime da realizzare e che permettono di mantenere inalterati nel tempo il colore e il sapore delle nostre aromatiche.

 

Quando raccogliere le erbe aromatiche

 

Coltivare le piante aromatiche in vaso o nell'orto (se vi interessa approfondire l'argomento trovate un articolo dedicato sul sito giardino fanatico) permette di avere a portata di mano spezie e aromi freschi con cui insaporire le proprie pietanze.

 

Su alcune specie (come il rosmarino, la salvia e l'alloro) la raccolta delle foglie si può effettuare tutto l'anno, per altre è necessario rispettare il tempo balsamico, ossia il periodo in cui è maggiore la concentrazione di principi attivi. Per il consumo fresco non ci sono particolari accorgimenti da adottare, mentre per la conservazione servono più accortezze. Innanzitutto, per favorire la conservabilità delle erbe, le foglie e i fiori non vanno mai colti bagnati da rugiada mattutina, pioggia o acqua di annaffiatura.

 

Il momento migliore per la raccolta è al mattino presto, quando l'umidità notturna si è asciugata e il sole non è ancora troppo forte, oppure nel tardo pomeriggio. Una volta raccolte le foglie, è bene non lavare in acqua quelle che si vogliono conservare per non alterarne le proprietà aromatiche o medicinali: per pulirle è sufficiente strofinarle delicatamente con un panno umido.

 

Se pensate di consumarle nel giro di qualche giorno, il modo migliore per conservarle è riporle in frigorifero all'interno di un sacchetto per il pane, tenendo però presente che questo metodo di conservazione è adatto solo per brevissimi periodi.

 

In alternativa, potete raccogliere dei rametti con le foglie e metterli a bagno in un vasetto riempito con acqua fresca da cambiare ogni giorno (proprio come si fa con i fiori) in modo da preservarne la freschezza qualche giorno in più (fino a un massimo di cinque giorni), senza alterarne le proprietà organolettiche.

 

Essiccare per conservare

 

Dopo la raccolta, l'essiccazione delle erbe aromatiche deve avvenire all'ombra, in un ambiente asciutto e areato, a una temperatura minima di 20°C, smuovendo ogni giorno il vassoio o la vaschetta che le contiene. Se si vuole accelerare il processo utilizzando il forno è importante non superare mai i 30-35°C per le parti aeree e i 50-60°C per radici e rizomi, che andranno puliti ed eventualmente tagliati a pezzi (4-5 cm) prima dell'essiccazione.

 

Le piante intere e i fusti con foglie e fiori si possono anche raccogliere in fasci e appendere a testa in giù in un locale buio e ben areato; in alternativa, basta staccare le parti utili dagli steli e disporle in strati sottili (3-4 cm) su graticci o vassoi, girandole più volte durante l'essiccazione, in modo da ottenere un processo uniforme e senza fermentazioni.

 

Il tempo di essiccazione all'aria varia a seconda della parte interessata al procedimento: solitamente radici, fusti e cortecce richiedono più tempo (15-20 giorni), per le foglie bastano 8-10 giorni e per i fiori 3-4 giorni. Le erbe si considerano perfettamente essiccate quando diventano fragili e scricchiolanti al tocco: a questo punto potete riporle in vasetti di vetro chiusi ermeticamente e conservarle al riparo da luce, umidità, aria e polvere.

 

Consigliamo, inoltre, di non essiccare grosse quantità di erbe e non attendere troppo prima dell'uso: il consumo va effettuato preferibilmente entro un anno dall'essiccazione, poiché con l'invecchiamento diminuiscono le proprietà aromatiche.

 

Conservare nel gelo

 

Alcune piante a stelo morbido, come il basilico, il prezzemolo, l'erba cipollina e il dragoncello, si possono conservare a basse temperature mediante il congelamento casalingo. Per preparare le foglie basta pulirle velocemente con un panno asciutto oppure lavarle sotto l'acqua corrente e farle asciugare all'aria su un canovaccio all'ombra, dopodiché si mettono nei sacchetti da freezer o in un contenitore di vetro prima di riporle nel congelatore.

 

In questo caso è preferibile consumare le spezie congelate entro tre mesi dalla data di congelamento, così che possano sprigionare tutto il loro profumo e sapore nei vostri piatti. In alcuni casi le aromatiche si possono surgelare anche sotto forma di preparazioni pronte all'uso (come il pesto alla genovese e gli oli aromatizzati), direttamente nelle vaschette per il ghiaccio a cubetti o in barattolini di vetro.

 


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


mercoledì, 8 dicembre 2021, 08:58

"L'insurrezione dei castelnuovesi e l'arrivo di Ariosto in Garfagnana"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione dell'avvocato castelnuovese Angiolo Masotti relativa ad un evento verificatosi esattamente cinquecento anni fa (7/8 dicembre 1521 - 7/8 dicembre 2021), interessante anche alla luce del fatto che a febbraio 2022 ricorreranno i 500 anni della venuta di Ludovico Ariosto in Garfagnana come governatore


lunedì, 29 novembre 2021, 16:56

Etf: oggi conviene investire nell'uranio?

Da diversi mesi stiamo assistendo ad un continuo rialzo dei prezzi delle materie prime collegate al settore dell'energia. Tra gli osservati speciali c'è sicuramente l'uranio, la cui quotazione nel corso dell'anno è salita di più del 30%: è un sintomo evidente di quella che i tecnici hanno battezzato la crisi...


Prenota questo spazio


venerdì, 26 novembre 2021, 11:14

Nuovo Sindacato Carabinieri: non si procederà nei confronti del segretario generale Zetti

I fatti si riferivano a critiche nei confronti dell'istituto in sé della rappresentanza militare che il Nuovo Sindacato Carabinieri non ha mai lesinato durante questi anni di esercizio della legittima attività sindacale.


martedì, 23 novembre 2021, 18:57

Economia e tecnologia: nuove forme d'investimento

La finanza e il mondo economico che si muove con gli investimenti sono sempre stati un settore oscuro o difficile da capire per un grande numero di persone, soprattutto risparmiatori, che a causa della mancanza di conoscenze o possibilità di informarsi non sono mai riuscite a investire in maniera concreta...


martedì, 23 novembre 2021, 03:32

Cosa valutare nella scelta del lavatappeti?

Tra gli elettrodomestici immancabili in una casa vi sono certamente gli aspirapolvere. Grazie a questi strumenti non solamente andremo a pulire più velocemente le superfici, ma lo potremo fare in un modo più accurato ed efficace


venerdì, 19 novembre 2021, 10:49

Regala un’emozione con il Black Friday Bluespirit, sconti fino al 70%

Collane, bracciali, anelli, orologi e tante altre soluzioni per il cadeau perfetto. Su www.bluespirit.com vengono presentati preziosi dei brand di punta con sconti fino al 70% in occasione del Black Friday