Anno X

mercoledì, 26 gennaio 2022 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Rubriche : lettera alla gazzetta

"Nessun comportamento discriminatorio da parte del personale della farmacia"

mercoledì, 5 gennaio 2022, 20:08

di avv. giuseppe stracuzza

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa richiesta di rettifica inviataci dall'avvocato Giuseppe Stracuzza, ai sensi dell’art.8 legge 8 febbraio 1948 n. 4, in risposta alla lettera apparsa sul nostro quotidiano ieri, firmata da due esponenti del movimento Valle del Serchio Alternativa, dal titolo: “Ennesimo caso di ossessione vaccinale in una farmacia della Valle del Serchio":

"Egregio direttore,


scrivo in nome, per conto e nell’interesse del dott. Michele Antonio Mollica, legale rappresentante della Farmacia Mollica, per specificare quanto segue.

In data 4 gennaio 2021, veniva pubblicato nel giornale da Lei diretto un articolo dal titolo: “Ennesimo caso di ossessione vaccinale in una farmacia della Valle del Serchio".

Nell’articolo in questione, che raccoglie quanto contenuto in una lettera trasmessa al giornale dai sig.ri Leonardo Mazzei e Francesco Bertoncini, si evidenziano a carico dei collaboratori della farmacia comportamenti poco professionali ed addirittura discriminatori che sarebbero stati perpetrati nei confronti di una cliente, la sig.ra Graziana Lanzini.

Il contenuto dell’articolo, dove è possibile rinvenire personali ricostruzioni storiche e argomenti di politica e di morale, appare chiaramente diffamatorio e strumentale rispetto ad una vicenda che nei termini narrati non si è mai verificata.

Si apprende dal testo dell’articolo che:”l'ennesimo episodio di discriminazione e moralismo un tanto al chilo avvenuto la mattina del 4 gennaio a una cittadina di Fornaci di Barga, Graziana Lanini,recatasi alla farmacia Mollica di Ponte all'Ania per effettuare il tampone, divenuto ormai necessario per avere quel diritto al lavoro su cuisi fonderebbe in teoria questa repubblica delle banane”.

Più in particolare, nel narrare l’occorso viene affermato che:”Alla richiesta della lavoratrice di poter calendarizzare i tamponi per la settimana a venire, si è sentita rispondere dalla farmacista, in maniera stizzita e scocciata, che avrebbe dovuto vaccinarsi e si augurava che presto venisse introdotto l'obbligo vaccinale per tutti, seguita a ruota dalla calorosa approvazione di altre notevoli teste pensanti presenti all'interno della farmacia”.

Orbene, si evidenzia come la ricostruzione dei fatti appare del tutto fuorviante e fantasiosa giacché non è costume dei collaboratori della farmacia esprimere giudizi sulle scelte di natura personale operate dai clienti in ordine a qualsivoglia convinzione, specie quelle di carattere sanitario, assumendo, altresì, comportamenti “stizziti e scocciati” rispetto alle esigenze degli utenti denotando, in siffatto modo, la scadente professionalità e deontologia di cui vengono tacciati nell’articolo pubblicato.

Tale notizia, è assolutamente priva di fondamento, poiché nessuna collaboratrice ebbe mai a rivolgersi nei termini narrati alla signora Lanzini ponendosi in maniera poco professionale o assumendo gli atteggiamenti controindicati riportati e manifestando, altresì, i comportamenti di “ossessione vaccinale” denunciati che, ove realmente presenti, configurerebbero una vera patologia di natura psichiatrica nel soggetto colpito.

E’ evidente come già nell’inciso iniziale, l’articolo è altamente e gravemente diffamatorio posto che, con una narrazione dei fatti non rispondenti alla realtà, si ipotizzano disturbi della personalità a carico dei dipendenti della farmacia con evidente discredito per la reputazione della Farmacia Mollica stessa e delle persone che quotidianamente vi operano.

Invero, la signora Lanzini, cliente della farmacia, chiedeva di effettuare i tamponi con cadenza prefissata in quanto vi erano file notevoli e la farmacista che la stava assistendo spiegava alla stessa che tale situazione si era creata in ragione dell’elevato aumento dei casi con conseguente aumento del carico di lavoro dovuto anche alla circostanza che, in ragione delle nuove regole, il tampone rapido negativo (come quelli richiesti dalla signora) sono considerati idonei per l’entrata e l’uscita dal regime della quarantena. Nessun commento sull’obbligo vaccinale di cui si sta discutendo nel governo centrale venne mai affrontato dalla collaboratrice con la sig.ra Lanzini né, di conseguenza, alcun invito a vaccinarsi venne rivolto alla stessa assumendo atteggiamenti di “stizza” e “fastidio” in quanto persona non vaccinata.

Se ciò si è ingenerato nella mente della sig.ra Lanzini, è certamente il frutto di un colossale equivoco o fraintendimento ma che non legittima chicchessia a screditare in maniera strumentale una professionista e la farmacia in cui ella opera con passione, abnegazione e profondo rispetto per gli utenti.

Invero, contrariamente a quanto si afferma nel succitato articolo, la farmacia, da tempo presente nel territorio, si è sempre caratterizza per la qualità del servizio offerto all’utenza sia sotto il profilo professionale e soprattutto umano mettendo in primo piano le esigenze dei clienti rispetto a quelle dell’azienda cercando in ogni modo di risolvere le necessità, lavorando durante le tutte festività natalizi
e con enormi sacrifici personali proprio per venire incontro alle richieste dell’utenza.

Tale reputazione, frutto di un’attività portata avanti in tutti questi anni da tutti i collaboratori della farmacia nel pieno rispetto della deontologia e dei valori umani, con estrema professionalità, dedizione e sacrificio personale non può essere di certo screditata attraverso la pubblicazione di notizie non veritiere, non verificate e “ospitate”, senza alcun controllo preventivo secondo i parametri di legge, nelle rubriche del giornale.

Pertanto, si chiede che ai sensi dell’art. 8 l. 8 febbraio 1948 n. 47, e successive mod. la pubblicazione della presente rettifica nel giornale da Lei diretto, con espressa riserva di agire dinanzi le competenti sedi giudiziarie a tutela di ogni diritto, ragione e azione".

Cordiali saluti

Avv. Giuseppe Stracuzza

 


Questo articolo è stato letto volte.


lamm

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Rubriche


Prenota questo spazio


martedì, 25 gennaio 2022, 23:13

Nel cuore di Bologna, una cucina di... ragione

Metti una giornata a Bologna, sotto i portici, e poi, a un certo punto, ecco... "La svolta": una piccola realtà gastronomica che fa del tema della sostenibilità il suo punto di forza. Un viaggio tra le specialità di una 'cucina di ragione'. Foto


martedì, 18 gennaio 2022, 16:48

Pullman turistici, mezzi di trasporto per escursioni confortevoli

I pullman turistici si distinguono da altri tipi di autobus per un maggiore livello di comfort e la capacità di trasportare una notevole quantità di bagagli. Sono progettati per garantire che i passeggeri siano comodi quando viaggiano su lunghe distanze


Prenota questo spazio


mercoledì, 12 gennaio 2022, 10:11

"Ciao Graziano, ci mancherà il tuo sorriso"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo sentito ricordo di Graziano Bertoncini, l'uomo tragicamente scomparso lunedì, a 61 anni, dopo una fatale caduta in un terreno di proprietà della famiglia, in località "Le Pastine" a Castelnuovo, scritto da Tommaso Teora che allega anche alcuni scatti di lui e del luogo dell'incidente


sabato, 8 gennaio 2022, 12:43

"Valle del Serchio Alternativa di nuovo in piazza contro il governo dell’intolleranza e dell’odio"

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera del movimento "Valle del Serchio Alternativa", firmata dai due esponenti Leonardo Mazzei e Francesco Bertoncini, in merito alla manifestazione di oggi a Livorno contro il governo


giovedì, 6 gennaio 2022, 19:29

Alla ricerca del tesoro della Torricella

Inizia oggi la pubblicazione di brevi video di storia della Garfagnana, tratti da documenti inediti e rivolti alla divulgazione, pur con rigore scientifico, non più lunghi di 15 minuti, quindi vere e proprie "pillole" di storia e cultura locale. Video


martedì, 4 gennaio 2022, 23:03

"Ennesimo caso di ossessione vaccinale in una farmacia della Valle del Serchio"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento del movimento Valle del Serchio Alternativa, a firma di Leonardo Mazzei e Francesco Bertoncini, in merito a quanto avvenuto in una farmacia di Ponte all'Ania nel comune di Barga