Anno 3°

martedì, 16 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sport

Internazionali d’Italia, nel gotha del tennis come al Luna Park

mercoledì, 15 maggio 2019, 11:29

di simone pierotti

Una giornata agli Internazionali d’Italia di tennis di Roma è un po' per un bambino una giornata a Gardaland, e non solo per gli appassionati di questo sport. Varcare i cancelli del Foro Italico significa entrare in una dimensione tutta particolare. Qua nulla è stata lasciata al caso e gli incontri del torneo, se pure l’attrazione fondamentale, non sono l’unico elemento che attrae lo spettatore. Noi di Gazzetta eravamo presenti nella prima giornata “vera”, quella del primo turno, una delle giornate più interessanti perché sono impegnati tutti i terreni di gioco (ben 14) tra gare ufficiali del torneo maschile, femminile, doppio ma anche per i semplici allenamenti. Chi non gioca, in pratica, si allena e lo fa, a parte qualche eccezione, nei piccoli campi a pochi metri dal pubblico che passeggia tranquillamente.

Entri al Foro Italico e, dopo pochi metri, ti imbatti in tre campi da allenamento interrati dove puoi seguire i giocatori da pochi metri. Pensi che ad allenarsi ci sia qualche carneade qualificato o un giovane rampante … invece ti trovi con Sara Errani, una campionessa sul viale del tramonto ma che ha scritto la storia di questo sport. Pochi metri più avanti ecco Tsonga, Shapovalov, Andreas Seppi, Simone Bolelli. Ci perdiamo in questa atmosfera. Termina l’ora di gioco di Seppi che esce dal campo per raggiungere lo spogliatoio sotto al campo centrale, circa cinquanta metri da percorrere a piedi in mezzo a tanti bambini e tifosi a caccia di foto e autografi. Un po' di pazienza e il buon Andrea si concede a tutti quanti, un’immagine impensabile in altri sport. Tempo di distrarsi e nel campo 11 è entrata Venus Williams, una leggenda vivente non solo del tennis. Lì a pochi metri da me e altri c’è la Williams a palleggiare tranquillamente con … una giovane di Bagni di Lucca. Ecco infatti Jasmine Paolini, che ha guadagnato un wild card e in serata sarà attesa dalla prova del Centrale. Emozione pura.

Siamo appena all’inizio perché parte poi il programma ufficiale del torneo con le partite che si disputano sul Centrale, sull’affascinante Pietrangeli, il campo con le statue di marmo, il Grand Stand più altri 4 campi minori tutti ravvicinati. Nel frattempo proseguono le sessioni di allenamento, ogni ora i giocatori si danno il cambio, sembra di essere al circolo del paese.

14 campi da gioco immersi in un ambiente dove non manca niente, merchandising, shopping, ristoranti, bar, street food, parchi giochi, stand vari, vips.

Saliamo i gradini del campo centrale per assistere al match tra Coric e il giovane talento Auger Aulassime, talento puro. Grandi giocate e gara a fasi alterne, alla fine ha la meglio il più esperto Coric. Cambiamo campo, sui campi di allenamento troviamo Zverev, il tedesco n° 5 del mondo, Thiem, Svitolina che palleggia con la Bencic, Cilic, il “fenomeno” italiano Sinner, capelli rossi e t shirt anonima, roba da circolo del tennis del paese ma questo è uno che pensa solamente a lavorare e lavorare, a soli 17 anni, e i risultati si vedono, avendo già vinto il suo match di primo turno.

Siamo qua per tifare per i tennisti italiani così iniziamo a fare la spola tra Gran Stand e Centrale: ci fermiamo a seguire Lorenzo Sonego contro il forte russo Chakanov. Match difficile ma l’italiano si esalta e, trascinato da un tifo infernale, tiene testa al suo avversario. Il cuore oltre l’ostacolo, tutti si lasciano trascinare dal clima di battaglia, Sonego rimonta e vince il secondo set al tie break, si va al terzo, Chakanov scatta subito 3-0, sembra tutto finito, Sonego ricorre alle cure mediche. Inizia invece una stoica rimonta, il contro break ma alla fine il russo non sbaglia nulla e chiude. Si torna sui campi di allenamento, per vedere Rafa Nadal, tante foto e poi via di corsa al campo 7, mia moglie prende posizione in anticipo mentre io corro al Centrale a vedere Cecchinato. Sta perdendo ma reagisce vincendo 2° e 3° set, delirio! Via di corsa per non perdermi Fognini, nel tragitto intravedo Francesca Schiavone, selfie al volo! Intanto dallo spogliatoio del Centrale esce Nishikori, il samurai, accerchiato da bambini in visibilio. Arrivo al campo 7, arriva Fognini, non c’è più un buco per seguire l’allenamento … io ho il posto riservato e così posso guardarmelo da due metri: sparring partner è Lorenzo Musetti, il giovane di Carrara. Intanto alle mie spalle, sul Pietrangeli, Gasquet sta subendo una brutta lezione. Il tempo vola, passiamo dagli stand: un simpaticone indossa un cappellino e finge di firmare autografi: una folla di bambini lo nota e inizia ad assediarlo facendogli firmare palline da tennis e cappellini! Alla domanda “ma chi è?” nessuno sa rispondere … ci vuole molto tempo per capire che si trattava di un burlone. Anche questa è la bellezza di questo evento.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota_spazio


prenota_spazio


prenota_spazio


Prenota questo spazio


Altri articoli in Sport


prenota_spazio


lunedì, 15 luglio 2019, 17:57

Jamali (Apuane) fa sua la “Corsa dei Capitani”

Ancora un successo nella categoria assoluti uomini per il marocchino Jilali Jamali (Alpi Apuane), che conclude la gara in 59'11'', distaccando di 39'' Massimo Mei (Atletica Castello Firenze) e di 1'30'', Nicolò Chiti (Podistica Quarrata)


lunedì, 15 luglio 2019, 17:40

54^ Coppa Città di Lucca ai nastri di partenza

La prova speciale di "San Rocco" è nel classico sviluppo, con il famoso "guado" la "Bagni di Lucca" è la più lunga della gara. Non viene disputata da tempo e la maggior parte del suo sviluppo è in salita


Prenota questo spazio


lunedì, 15 luglio 2019, 14:51

Atletica, podi per Viola Pieroni e Fabio Pierotti

Grande fine settimana quello che ha visto impegnati a Montespertoli numerosi atleti della Virtus Lucca: una squadra femminile che ha regalato tante soddisfazioni e una maschile che non si è lasciata scappare numerosi podi


lunedì, 15 luglio 2019, 10:09

Gp Apuane: Jamali, Matteucci e Simi primi a Cutigliano

Fine settimana passato agli archivi e ottime prestazioni per i ragazzi del GP Parco Alpi Apuane Team Ecoverde


sabato, 13 luglio 2019, 11:19

Castelnuovo: tutte le novità nell’organico dei tecnici

Completati, salvo ultimi “ritocchi”, gli organici tecnici delle squadre del Castelnuovo. Per quanto riguarda la prima squadra, presentati l’allenatore Alfredo Cardella e il suo vice Enrico Nardini, è stato reso noto due giorni fa lo staff che si occuperà dei portieri


venerdì, 12 luglio 2019, 17:11

GP Parco Alpi Apuane non conosce soste: Bonacchi si impone a Barile

Passano le stagioni ma non si placa la fame di successi degli atleti tesserati con il Gruppo podistico Parco Alpi Apuane del presidente Graziano Poli. In un periodo denso di gare serali estive, i biancoverdi stanno rispondendo presente nei vari appuntamenti disseminati lungo tutto il territorio toscano