Anno 3°

domenica, 5 luglio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sport

Buon compleanno a Giancarlo Marigliani, leggenda del calcio garfagnino

martedì, 26 maggio 2020, 09:08

di michele masotti

Compie 80 anni Giancarlo Marigliani, tra i molti riconoscimenti anche quello di essere stato il primo garfagnino a militare in un club professionistico, bandiera dell’Us Castelnuovo sia come capitano che nelle vesti di allenatore. Stimato da addetti ai lavori, compagni di squadra, avversari e giocatori da lui guidati. Il popolare “Mariglia” vanta 211 presenze e ben 50 gol, molti dei quali arrivati sfruttando la sua grande abilità nel calciare le punizioni, con la maglia gialloblù. Una vita calcistica spesa, quindi, in gran parte con il team del capoluogo garfagnino che visse, nella prima metà degli anni 60’, i fasti di un calcio ruggente sotto la presidenza targata Alessio Nardini con lo spareggio di Pescia vinto sul Forte dei Marmi nell’annata 1963-1964 alla presenza di tanti castelnuovesi. Un importante senso di appartenenza mai venuto meno.

Per i nostri lettori più giovani potrebbe raccontare il suo modo di giocare?

Venivo impiegato prevalentemente davanti alla difesa potendo contare su un’ottima visione di gioco accompagnata da uno spiccato senso per il gol. Modestamente sapevo farmi valere sia con gli inserimenti aerei che sulle punizioni. Volevo sempre vincere: che fossero partite ufficiali, amichevoli o tornei estivi non faceva differenza. Ho cercato sempre, comunque, di anteporre il bene della squadra agli interessi personali.

Nella stagione 1960-1961 si trasferì in Serie C alla Torres di Sassari. Che ricordi ha di quella stagione?

Andai in Sardegna su precisa indicazione di Remo Galli, tecnico rossoblù, che mi vide in azione in un torneo estivo a Montecatini Terme al quale partecipai assieme all’amico Piero Bertolani. Sebbene fosse la prima volta che lasciavo Castelnuovo, devo dire che a livello umano mi trovai molto bene a Sassari. Sul piano sportivo, invece, dovetti fare i conti con tanta concorrenza nel mio ruolo poiché alla fine rimase in rosa lo stopper Fogli, in estate dato come partente verso Bologna. Ebbi una richiesta da parte dell’Olbia ma la Torres non se la sentì di cedermi, forse anche per motivi campanilistici. La dirigenza voleva confermarmi per la stagione successiva ma avevo il desiderio di avvicinarmi a Castelnuovo. Così si materializzò lo scambio con l’argentino De Zorlo facendomi indossare la maglia della Massese.

Ha contribuito a scrivere pagine importanti nella storia del Castelnuovo; quale partita le è rimasta impressa?

Lo spareggio di Pescia contro il Forte dei Marmi, vinto per 3-0 che ci permise di salire in Prima Categoria. Ho ancora in mente di quel pomeriggio l’esodo di tanti nostri tifosi, aspetto non scontato per l’epoca che ci galvanizzò ancora di più. Sono rimasto particolarmente affezionato a quella squadra composta interamente da giocatori del luogo. Puntare sui giovani del vivaio è stata una mia prerogativa anche da allenatore. Passata l’emergenza Covid-19, ritengo che le società dilettantistiche dovranno nuovamente puntare sulla valorizzazione degli elementi più interessanti del rispettivo settore giovanile. Con alcuni dei miei compagni di squadra, ad esempio Bertolani, durante l’estate per non perdere il ritmo partita partecipavamo a molti tornei, arrivando a disputare tre partite in altrettanti paesi nel giro di una giornata.

Ha avuto qualche modello nella carriera da tecnico?

Ho cercato di carpire qualcosa da tutti gli allenatori che mi hanno allenato sinceramente. Se devo spendere un nome, menziono il professore Alberto Evangelisti, mister del Castelnuovo dello spareggio di Pescia. Era un vero signore che sapeva come prendere i giocatori grazie ad un confronto franco ed onesto con loro. In quel di Massa ho avuto come compagno di squadra Corrado Orrico, in seguito avversario con la maglia della Sarzanese in alcune epiche sfide disputatisi al “Comunale”. Da calciatore a tecnico, Orrico ha attuato un grande cambiamento, divenendo una sorta di filoso tattico.

Come ripartirà il calcio dilettantistico dopo la pandemia del Covid-19?

Ci troviamo in una situazione, per quanto riguarda lo stop dell’attività agonistica, che non ha precedenti recentemente. Un paragone, forse, può essere fatto con il secondo dopoguerra. Ci saranno delle conseguenze sotto tutti i punti di vista, specialmente quello economico. Difficilmente delle realtà dilettantistiche potranno permettersi delle spese “folli” per ingaggiare giocatori provenienti da altre zone. Un aspetto positivo potrebbe essere, a mio avviso, un ritrovato spirito di appartenenza che dovrà necessariamente andare di pari passo con un maggiore utilizzo di giocatori locali. Sarebbe bello che il Castelnuovo potesse creare una nidiata di elementi locali, proprio come quando io ero in panchina.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

prenota_spazio

prenota_spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Sport


prenota_spazio


venerdì, 3 luglio 2020, 21:09

Il Filecchio Calcio Femminile torna in campo dopo la promozione in C: "Un grande gruppo che lavora"

A meno di un mese dalla promozione in serie C nazionale, dopo la schiacciante vittoria del campionato con 35 punti e solo cinque partite alla fine dopo l'ultima del primo marzo, il Filecchio Calcio Femminile torna ad allenarsi sul campo: piccoli gruppi, ma un ottimo inizio per una squadra che...


venerdì, 3 luglio 2020, 20:32

Debutto post-Covid per tre atleti della Valle

Giovedì 16 sarà la volta di Idea Pieroni, la sei volte campionessa italiana di salto in alto che ha avuto da poco la conferma della convocazione al meeting nazionale assoluto di Savona


Prenota questo spazio


venerdì, 3 luglio 2020, 14:56

Il garfagnino Nicoló Micchi approda alla Sangiovannese

Altra grande opportunità per il garfagnino DOC Nicoló Micchi, residente nel comune di Camporgiano e classe 1998, che dopo le esperienze in serie D con Ghiviborgo e San Gemignano e, dopo l'ultima stagione in eccellenza a Poggibonsi (otto reti siglate), ha deciso di approdare nella Sangiovannese militante in D


venerdì, 3 luglio 2020, 14:13

Quattro colpi per il New Team, tante conferme a Pontecosi: primi movimenti in seconda categoria

Iniziano ad arrivare i primi movimenti di calciomercato anche in seconda categoria dove il New Team, dopo la vittoria del campionato di terza categoria, si sta preparando al meglio per affrontare questa nuova, e storica, esperienza sempre capitanati dal direttore sportivo Alessandro Donati e dal mister Antonio Landucci


venerdì, 3 luglio 2020, 07:37

Riparte anche il Volley Barga

Indisponibile la palestra delle scuole medie di Fornaci di Barga, la società barghigiana ha saputo cogliere, anche grazie alla sensibilità e disponibilità dell'amministrazione comunale, l'opportunità di svolgere le proprie sedute di allenamento, nel pieno rispetto del protocollo FIPAV attualmente in vigore, presso il Campo Rosso


giovedì, 2 luglio 2020, 17:58

Molti giovani e difesa rivoluzionata: così parte il sogno Vagli in prima categoria

Come l'estate, ed il caldo, anche il calciomercato dilettantistico sta entrando sempre di più nel vivo con le società che, nonostante le varie difficoltà economiche e non, stanno cercando con tanta passione di proseguire il cammino intrapreso