Anno X

venerdì, 25 giugno 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Sport

Lorenzo Musetti 'conquista' Parigi e fa felice papà Francesco: "Babbo ho giocato bene"

martedì, 8 giugno 2021, 09:15

di Michela Carlotti

Lorenzo Musetti sfiora la vittoria in un’impresa titanica: gli ottavi del Roland Garros contro il numero uno, vincitore di 18 Slam, il serbo Novak Djokovic.

Classe 2002, di Carrara, Lorenzo si allena dall’età di otto anni. La sua crescita sportiva è avvenuta entro i circoli del tennis ligure, sotto la guida spezzina del maestro Simone Tartarini che lo segue da dieci anni e che oggi lo ha portato fino ai campi dello Chatrier di Parigi.

Lorenzo ha tenuto testa e dominato per oltre due ore il numero uno Djokovic, con due set vinti 7-6, 7-6. Poi la rimonta di Djokovic al terzo e quarto set persi da Musetti 1-6 e 0-6, fino all’infortunio che ha portato Lorenzo a ritirarsi per non peggiorare le sue condizioni fisiche.

“Bella giornata, anche se ha perso Lorenzo è stato bravissimo. Ho guardato la partita con mia moglie Sabrina, ci siamo emozionati: sinceramente non speravamo in così tanto, perché Djokovic è il numero uno del mondo e Lorenzo noi lo vediamo ancora un po' ragazzo”. La voce di Francesco Musetti, padre di Lorenzo, ha il tono mite di chi ha esultato, gioito, gridato per l’emozione tanto da accusare, alla fine, la spossatezza fisiologica che segue alla scarica di adrenalina.

“Lorenzo si era già allenato un paio di volte con Djokovic e mi aveva raccontato di aver vinto un set sia a Roma che a Montecarlo. Io da papà gli dicevo che erano allenamenti, che le partite erano diverse. Lorenzo, invece, ci aveva tenuto a dirmi che i numeri uno come Djokovic non amano perdere, nemmeno in allenamento. Ma io lo prendevo un po' in giro”.

“Oggi mi sono dovuto ricredere. Quando l’ho sentito, dopo la partita, gli ho dovuto dire che aveva ragione, che me lo ha dimostrato”. Francesco Musetti ha sempre coltivato a sua volta la passione del tennis, praticato a livello amatoriale. Ci spiega tecnicamente che: “I tennisti del calibro di Djokovic hanno una preparazione fisica incredibile. In particolare lui lo conoscono tutti nel circuito e si sa che è elastico da paura. Per la crescita di un ragazzo dell’età di Lorenzo, è comunque impossibile agire su dei muscoli che veramente devono ancora essere preparati per un certo tipo di lavoro. Non è proprio possibile incidere più di tanto”.

“Quindi era abbastanza prevedibile - commenta Francesco Musetti - E’ ovvio che si spera guardando la partita, ma io non speravo neanche che Lorenzo vincesse un set contro Djokovic”.

“Quando ho visto Lorenzo che entrava nel terzo set e faceva fatica, ho capito che era finita”. Ma papà Francesco non ha dubbi sulla validità della scelta del figlio di ritirarsi: “Non si continua a giocare quando si rischia di farsi male. E non credo proprio che Lorenzo si sia ritirato per non prendere un altro 6-0: non credo che in quel momento mio figlio pensasse a quello. Piuttosto, in quei momenti pensi a non farti male. Le gambe diventano dure e non cammini”.

Francesco conclude l’intervista con l’orgoglio di un padre che vede ricompensati i sacrifici del figlio: “Lorenzo si è allenato tanto, da quando era bimbetto. Non faceva altro, era sempre occupato, impegnato, non aveva mai tempo per altro. Lorenzo non ha fatto la vita di un ragazzo della sua età. Ha preso decisioni difficili e noi lo abbiamo supportato: quante volte io e mia moglie abbiamo fatto il tragitto Carrara-Spezia, Spezia-Carrara. Lo andavamo a prendere anche alle tre di notte quando rientrava da competizioni notturne”.

Chiediamo infine cos’ha detto Lorenzo al telefono: “Ha detto che non ha nessun problema se non quello di essere super stanco e di avere dolore alla schiena. Era contento e mi ha detto “babbo ho giocato bene” e io gli ho risposto “ti ho visto, mi hai lasciato a bocca aperta”.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

lamm

prenota_spazio

Prenota questo spazio


Altri articoli in Sport


prenota_spazio


giovedì, 24 giugno 2021, 13:58

Campionati italiani individuali: grande attesa per Idea Pieroni

Conto alla rovescia per i Campionati italiani individuali assoluti su pista di atletica leggera in programma allo stadio Quercia di Rovereto da domani, venerdì 25, a domenica 27 giugno


martedì, 22 giugno 2021, 21:40

Al Golf Club Garfagnana il ‘Trofeo Allegretti’

Sabato 19 e domenica 20 un buon numero di giocatori si sono affrontati con grande agonismo per l’8° prova del campionato sociale, il Trofeo Allegretti


Prenota questo spazio


martedì, 22 giugno 2021, 16:28

Al 'Ciocco' un festival dedicato alla mtb

Dal 17 al 19 settembre i giovani si ritrovano al 'Ciocco' per un festival dedicato alla mtb. In cabina di regia Ciocco Sport Lab a regalare emozioni anche in ambito giovanile agli amanti della mtb


martedì, 22 giugno 2021, 14:10

'Ferrari Tribute', Vergamini e Fabrizi si superano

L'equipaggio lucchese composto da Fabio Vergamini e Anna Maria Fabrizi su Ferrari 488 GTB ha partecipato al Ferrari Tribute di Mille Miglia 2021 classificandosi al secondo posto


martedì, 22 giugno 2021, 09:25

Sc Garfagnana Mtb, Noemi Semplici sul podio

Siamo a Montalto con il comitato organizzatore dell’Avis Pratovecchio che ha proposto un percorso molto tecnico ricavato dentro una foresta ai margini del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Un percorso di 3,9 km con 220 m di dislivello per gli Junior e 3, 5 km con 180 m di dislivello...


lunedì, 21 giugno 2021, 11:20

Trofeo Vival Banca, secondo Guerrucci (Apuane)

Nonostante l’afa opprimente di questi giorni, un buon numero di podisti ha dato vita al “29° Trofeo Vival Banca - 18° Trofeo Simone Grazzini - 1° Trofeo Anna Maria Marino” che si e corso sulla distanza di km 14,500, ricavati lungo le colline che sovrastano la città termale e ottimamente...