Spazio disponibilie
   Anno X
Martedì 28 Maggio 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da andrea pedri
Bagni di Lucca
17 Maggio 2023

Visite: 1393

C’è solo un “merito” che può essere accreditato al progetto per la nuova antenna 5G a San Cassiano di Controni: essere riuscito a unire in un unico blocco la solitamente litigiosa politica di Bagni di Lucca. Il consiglio comunale, all’unanimità, si è infatti già espresso il 27 febbraio: nessuno vuole davvero l’enorme installazione (34 metri di altezza) in una zona contraddistinta da storia e natura incontaminata, e i motivi sono i più disparati.

Si va dal valore ambientale a quello turistico, senza dimenticare le preoccupazioni per la salute degli abitanti di San Cassiano e non solo.

Un fronte compatto che rifiuta totalmente la nuova antenna, dunque, eppure sembra che l’iter burocratico per l’installazione sia tutt’altro che arenato.

Il rischio, a scanso di equivoci, è quello di veder sorgere la struttura a dispetto del parere contrario della politica locale e della popolazione: un vero e proprio smacco, che potrebbe aprire a nuovi e inquietanti scenari per il futuro.

La preoccupazione è tanta, ed è per questo che Claudio Gemignani, consigliere di minoranza per la lista “Progetto Futuro”, ha deciso di lanciare l’ennesimo appello con un video successivamente pubblicato sui suoi canali sociali, e girato proprio sul sito che potrebbe essere interessato dai lavori di installazione.

“Inwit Spa – Infrastrutture wireless italiane, n.d.r. – ha designato questo luogo come il più adatto per l’installazione di un’antenna alta 34 metri e con un basamento di almeno 25-30 metri quadri. Eppure, io mi guardo intorno e non capisco come una tale mostruosità potrebbe inserirsi in un contesto che fa della bellezza naturalistica e dell’importanza storica i suoi punti di forza. Siamo alle pendici del Monte Fiorito – spiega Gemignani – un sito Rete Natura 2000 attraversato dalla storica Alta via dei pastori: è un luogo incontaminato, preservato e apprezzato da abitanti e turisti, ed è per questo che adoperare dei cambiamenti così radicali rischia di assumere i contorni della violenza”.

Durante il sopralluogo, Gemignani non nasconde il sospetto che un’operazione di questa tipo, attuata in modo forzoso rispetto al parere locale, non possa essere che il primo passo per nuove strutture invasive, come ad esempio le pale eoliche.

Una storia dai contorni poco chiari, un modello di ingerenza, ormai sfortunatamente frequente, che vede le grandi multinazionali disinteressate in merito alle opinioni e alla salute dei cittadini e concentrate solo su capitali e operazioni di mercato slegate da qualsiasi ambito territoriale.

“E se questa antenna fosse solo il primo esperimento in funzione di ulteriori installazioni? Dobbiamo aspettarci anche le pale eoliche? E chi lo sa! – tuona Gemignani – Sembra che le multinazionali se ne freghino del parere e del benessere dei cittadini. Una struttura di questo tipo causerebbe problemi alla salute? È un tema da non sottovalutare: la scienza non ha ancora dato risposte certe, e io, come cittadino, sono seriamente preoccupato. Quantomeno, a livello politico, ci stiamo facendo sentire, e il consiglio comunale ha già espresso la propria contrarietà al progetto. Non siamo sfavorevoli alla tecnologia, ma pensiamo che possano esserci posti più idonei”.

C’è dunque fermento tra la popolazione e la politica bagnaiola, ma sarà necessario un tempo di attesa per capire se il progetto prenderà effettivamente forma. Gemignani assicura che lui e la sua lista resteranno vigili: c’è in gioco il futuro di un territorio intero e l’incolumità delle persone che ancora, e ostinatamente, decidono di vivere lo splendido territorio della Controneria

“Ora dobbiamo solo aspettare: sono stato in contatto con amministratori e anche l’ufficio tecnico, confrontandomi personalmente col responsabile. Stanno predisponendo gli atti della conferenza dei servizi che c’è stata giovedì – afferma Gemignani – e verranno resi pubblici non appena saranno disponibili. Speriamo che l’esito degli ultimi controlli sia positivo: come Progetto Futuro abbiamo, nel mentre, chiesto l’accesso agli atti e la copia di tutti i documenti legati al progetto-antenna. Mi scuso se oggi ho usato dei termini forti – conclude il consigliere – ma non tollero quanto i potenti prepotenti sfruttano quelli che loro ritengono piccoli. Siamo persone pensanti e abbiamo la nostra dignità, senza dimenticare il privilegio di vivere in questo paradiso che vogliamo preservare”.

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Sabato 1° giugno alle ore 18 prenderà vita l’evento “Un mare…

Noi ci abbiamo provato - esordisce il candidato a sindaco Indro Marchi - abbiamo invitato ad  un confronto…

Spazio disponibilie

Continuano gli incontri e le occasioni di confronto sul territorio per il candidato sindaco Patrizio Andreuccetti…

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Oggi, sabato 25 maggio, giornata di svolgimento delle esequie dell’operaio tragicamente scomparso…

L'assemblea del Gal Montagnappennino ha rinnovato il suo organo direttivo e confermato alla guida dell'ente la presidente Marina…

Continua la campagna elettorale Democrazia Sovrana Popolare (DSP). Dopo aver raggiunto il numero di firme necessarie per partecipare…

Pioggia, temporali anche forti interesseranno buona parte della Toscana a partire dalle 12 di oggi, lunedì 20 maggio…

Spazio disponibilie

La campagna elettorale è entrata nel vivo e sono proseguiti, per tutta la settimana,…

"La fabbrica KME di Fornaci di Barga chiusa fino a lunedì è l'emblema di questo tristissimo momento, che…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie