Spazio disponibilie
   Anno X
Martedì 28 Maggio 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie

Scritto da Redazione
Barga
27 Maggio 2023

Visite: 806

Un artista barghigiano affermato ed amato, oggi di nuovo al centro dell'attenzione grazie alla Fondazione Ricci di Barga. A Bruno Cordati, e alla sua amicizia con Andrea Cabrelli, è infatti dedicata la mostra "Il tempo della guerra e il tempo della vita. Bruno Cordati, il Ritratto di Cesira e l'amicizia con Andrea Cabrelli", che apre oggi  (sabato 27 maggio) alle 17 alla Fondazione Ricci ETS di Barga (via Roma, 20).

All'inaugurazione saranno presenti Cristiana Ricci, presidente della Fondazione Ricci ETS e curatrice della mostra; Caterina Campani, sindaca di Barga; Sara Moscardini, direttrice dell'Istituto Storico Lucchese sezione di Barga, archivista e storica; Anna Maria Zampolini, curatrice della mostra; Nicoletta Franchi, autrice del libro "La via della Scozia" (edizione Fondazione Cresci) che traccia i contorni dell'emigrazione barghigiana in Scozia tra Otto e Novecento; Birgit Urmson, storica dell'arte e scrittrice, per parlare del gruppo di lettura di Bruna Cordati a casa Cordati, che proseguì dopo la morte di Bruna da Cesira Cabrelli; Marzia Ratti, critica d'arte e curatrice della mostra; Bruno Rosaia, nipote di Cordati e curatore del sito web a lui dedicato; Umberto Sereni, storico già docente ordinario di storia contemporanea all'Università di Udine.

STAMANI (sabato 27 maggio 2023), durante la presentazione alla stampa, Cristiana Ricci, presidente della Fondazione Ricci ETS e curatrice della mostra, ha ricordato che la Fondazione, a partire 1996, ha realizzato tutte le più importanti mostre sui protagonisti dell'arte che hanno vissuto e operato nella Valle del Serchio. "Con questa abbiamo esaurito – ha detto Ricci – questa lunga carrellata che ha fortemente contribuito alla valorizzazione della storia del territorio attraverso una produzione artistica capace di dialogare con il mondo".

La sindaca di Barga Caterina Campani ha ringraziato la Fondazione Ricci per la valorizzazione della città come polo artistico-culturale ed ha posto l'accento sui collegamenti che questa mostra evidenzia, sia con le famiglie Cordati e Cabrelli, sia con Cesira (il cui ritratto, da bambina, è stato scelto per la locandina), sia con i 50 anni di presenza di Kraczyna in città, ricordando come Barga abbia "questa capacità di attrazione di artisti che vengono qui, ne traggono ispirazione, scegliendo spesso di restare".

L'intervento di Sara Moscardini, direttrice dell'Istituto Storico Lucchese sezione di Barga, archivista e storica, ha posto l'attenzione sulla sezione della mostra che interessa la storia dell'emigrazione barghigiana ed ha ricordato Cesira Cabrelli nella sua partecipazione costante alle attività culturali della città, sempre presente anche alle iniziative della Fondazione Ricci.  

Anna Maria Zampolini ha spiegato come la scintilla che ha acceso la nascita della mostra sia stato nell'esposizione "La Nuova Barga", dalla quale è nata l'idea di dare spazio e luce alle memorie di Cesira che aveva raccolto; Marzia Ratti ha ricordato le fasi di ricerca degli anni Ottanta intorno al pittore e il nuovo filone di scoperta e conoscenza del Cordati decoratore, nato sempre in seguito a "La Nuova Barga"; ha inoltre collocato il Cordati in rapporto gli artisti Magri, Balduini, Vittorini.

Bruno Rosaia ha spiegato la nascita del sito internet www.brunocordati.it come raccolta di informazioni e opere sul nonno e strumento di raccordo e conoscenza di opere di proprietà di privati. Tanto che in mostra sono presenti dipinti di proprietà degli eredi e di diversi privati.

 

LA MOSTRA

Dopo 30 anni dall'ultima esposizione dedicata al pittore, la mostra è dedicata alla vicenda umana dei due amici Bruno Cordati e Andrea Cabrelli, l'uno artista riconosciuto ed amato, un "ragazzo del '90" appartenente alla generazione di autori come Magri e Vittorini "nati all'ombra di Pascoli", l'altro pontremolese ma barghigiano di adozione.

30 le opere di Cordati esposte, di cui 12 inedite (tra i quali il ritratto della moglie del pittore, Clotilde Costi, degli anni '20), quelle realizzate dal pittore e incisore Swietlan Kraczyna per un "Omaggio a Bruno Cordati".
Pittura, decorazione, immigrazione e amicizia sono i temi della mostra, 6 le sezioni: Cordati e la sua famiglia, Cordati ritrattista, l'amicizia Cordati-Cabrelli, l'omaggio di Kraczyna, Cordati decoratore di 16 villini, il cammino di Cordati pittore.

La mostra nasce dalle memorie di Cesira e di Irma Cabrelli, che hanno permesso di ricostruire in parte l'amicizia tra Bruno Cordati (Barga 1890-1979) e Andrea Cabrelli (Pontremoli 1893-Barga 1956): due diversi percorsi biografici individuali che si incrociano entro i grandi eventi storici del XX secolo, sospinti o sconvolti dall'irrompere del tempo della guerra nel tempo della vita. 

L'esposizione racconta anche l'attività di Bruno Cordati decoratore, rimasta sconosciuta fino al 2021, quando nella mostra e nel catalogo "La nuova Barga. Architetture e arti decorative tra Liberty e stile eclettico (1900-1935)", è stato esposto un documento che legava inequivocabilmente la sua firma alle decorazioni del villino di Andrea Cabrelli, oggi Romano, in via dei Frati 8, a Barga.

50 anni fa, inoltre, avvenne il primo incontro tra Bruno Cordati e Swietlan Kraczyna: per questo l'incisore e pittore gli rende omaggio con una selezione di 3 opere.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Ricci ETS, dagli eredi Cordati e dall'Istituto storico lucchese sezione di Barga, con il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Lucca e del Comune di Barga e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.
La curatela è di Anna Maria ZampoliniCristiana Ricci e Marzia Ratticritica d'arte, che si è occupata della scelta delle opere e contribuito alla raccolta e alla sistematizzazione dei materiali che saranno digitalizzati e fruibili al pubblico grazie al sito web dedicato all'artista, promosso e tenacemente voluto dalla figlia Luigia Cordati Rosaia e da suo figlio Bruno: www.brunocordati.it. L'immagine coordinata della mostra e i pannelli espositivi sono stati realizzati dalla fotografa Caterina Salvi.

 

INFORMAZIONI

Sarà visitabile a ingresso libero dal 27 maggio fino al 25 giugno 2023 con i seguenti orari: martedì 10-13, venerdì 15,30- 19,30, sabato e domenica 11-13 e 17-19. Il catalogo è in vendita in mostra.

Info: Fondazione Ricci ETS, 0583724357, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.fondazionericci.infoFacebook "Fondazione Ricci ETS", Instagram "fondazione_ricci_barga".

 

 

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Sabato 1° giugno alle ore 18 prenderà vita l’evento “Un mare…

Noi ci abbiamo provato - esordisce il candidato a sindaco Indro Marchi - abbiamo invitato ad  un confronto…

Spazio disponibilie

Continuano gli incontri e le occasioni di confronto sul territorio per il candidato sindaco Patrizio Andreuccetti…

Spazio disponibilie

Oggi, sabato 25 maggio, giornata di svolgimento delle esequie dell’operaio tragicamente scomparso…

L'assemblea del Gal Montagnappennino ha rinnovato il suo organo direttivo e confermato alla guida dell'ente la presidente Marina…

Continua la campagna elettorale Democrazia Sovrana Popolare (DSP). Dopo aver raggiunto il numero di firme necessarie per partecipare…

Pioggia, temporali anche forti interesseranno buona parte della Toscana a partire dalle 12 di oggi, lunedì 20 maggio…

Spazio disponibilie

La campagna elettorale è entrata nel vivo e sono proseguiti, per tutta la settimana,…

"La fabbrica KME di Fornaci di Barga chiusa fino a lunedì è l'emblema di questo tristissimo momento, che…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie