Spazio disponibilie
   Anno X
Lunedì 15 Aprile 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da simone pierotti
Borgo a Mozzano
19 Dicembre 2023

Visite: 644

Con i miei occhi” è il titolo che l’art designer Francesco Zavattari ha dato al nuovo presepio realizzato per la Misericordia di Borgo a Mozzano all’interno del chiostro del convento di San Francesco. L’inaugurazione è avvenuta domenica 17 dicembre, in occasione di una giornata molto intensa di iniziative in avvicinamento al Natale che, come sempre accade in questo periodo dell’anno, vede la Confraternita molto attiva.

Così, dopo il presepio dello scorso anno, prosegue la collaborazione tra l’artista di Diecimo e la Misericordia: quest’anno l’opera è stata realizzata all’interno del convento francescano proprio in occasione degli 800 anni dalla realizzazione del presepe di Greccio da parte di San Francesco, ma anche per i 40 anni dall’apertura del Centro Accoglienza Anziani ospitato dallo stesso convento. Le preziose statue del presepio, di grandi dimensioni, sono state gentilmente concesse in comodato alla Confraternita dalla ditta Fontanini Presepi.

Tante le persone che hanno affollato il chiostro per ammirare il presepio e per scambiarsi gli auguri di Natale. La cerimonia è stata aperta dall’esibizione in un noto canto natalizio di una bravissima bambina. Il Governatore Gabriele Brunini ha accolto gli intervenuti spiegando la genesi dell’idea che ha portato al presepio; di seguito i saluti del sindaco Patrizio Andreuccetti, che ha sottolineato il messaggio di pace del presepio e la direttrice della Rsa Lorena Mariani. E’ stata quindi la volta dell’autore della realizzazione Francesco Zavattari. “Ho visto il chiostro del Convento di San Francesco come una sorta di giardino d'inverno, una serra, quasi un'oasi in cui custodire "il fiore più bello dei nostri fior!". Così i miei tipici intrecci sono andati a creare una copertura arricchita da potature di alloro e bambù provenienti dai giardini stessi del convento. L'opera avrebbe dovuto omaggiare il primo presepe della storia, quello che San Francesco stesso realizzò a Greccio nel 1223, esattamente 800 anni fa. Sotto alle volte del chiostro, una delle tante lunette affrescate da Domenico Manfredi da Camaiore nel 1635 racconta proprio questa scena. Così, in un intreccio che sempre ricerco fra antico e moderno, ho inserito quattro totem e quattro cubi, uno per secolo, interamente rivestiti da ingrandimenti tratti da quel dipinto”.

Pin It
  • Galleria:
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Lunedì 15 aprile, alle ore 17, presso la Sala Colombo in Via del Giardino 47, sarà proposto…

La Lega Spi Cgil di Lucca e Pescaglia, visto l’ultimo documento prodotto dagli studenti del Liceo Vallisneri di…

Spazio disponibilie

Si terrà domani 10 aprile alle ore 18.30, presso la sala consiliare del palazzo comunale, il consiglio straordinario richiesto…

Spazio disponibilie

Ascit Servizi Ambientali SpA informa che, per la giornata di giovedì 11 aprile

Continuano, con successo, gli incontri sul territorio del candidato a sindaco Patrizio Andreuccetti. In vista dell'appuntamento elettorale dell'8…

Il coordinamento comunale FdI  di Borgo a Mozzano guidato da Riccardo Tardelli invita simpatizzanti ed iscritti all'incontro…

Pioggia prevista su tutta la regione per l’intera giornata di mercoledì 27 marzo. Una vasta area depressionaria interessa…

Spazio disponibilie

Prosegue "Dicci la tua" il percorso di incontri sul territorio che il candidato sindaco Patrizio Andreuccetti e la…

Lucia Biagioni: Vorrei ringraziare tutte le persone, parenti e amici che sono stati vicini a me, Marco…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie