Anno X
Martedì 28 Maggio 2024
  - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da simone pierotti
Garfagnana
28 Maggio 2023

Visite: 1820

La Sala delle Feste di Borgo a Mozzano ha ospitato, questa mattina, un interessante convegno promosso dalla commissione extra consiliare sanità del comune, con il patrocinio dell’Ordine dei Medici della provincia di Lucca e la partecipazione di importanti esponenti del territorio e della ASL Toscana Nord Ovest. “La sanità della Valle del Serchio 2.0” il titolo, decisamente emblematico, visto è stato fatto il punto sulla sanità, affrontando la tematica rispetto al passato, ma soprattutto analizzando la situazione presente e le prospettive del futuro nella Valle.

Il convegno è stato moderato dal dottor Lorenzo Mencacci, presidente della commissione sanità del comune di Borgo a Mozzano e dal dottor Claudio Bacci, coordinatore AFI Garfagnana, con la presenza del presidente dell’Ordine dei Medici dott. Umberto Quiriconi e i consiglieri, gli operatori sanitari, le associazioni di volontariato e alcune istituzioni. Molti gli interventi, da quello della dott.ssa Maria Stella Adami, direttrice del Dipartimento di Medicina Generale Usl Toscana Nord Ovest a quello del sindaco di Coreglia nonché presidente dell'Unione dei Comuni della MediaValle del Serchio Marco Remaschi, dal sindaco di Borgo a Mozzano Patrizio Andreuccetti, che ha fatto gli onori di casa, al consigliere regionale Mario Puppa.

Diversi i temi di stretta attualità affrontati, quali la difficoltà nel reperire personale a tutti i livelli, i piani di attuazione e le risorse del Pnrr, la riforma regionale del sistema di emergenza urgenza territoriale e continuità assistenziale, la programmazione della rete ospedaliera in conformità agli standard previsti.

Si è sottolineata la realtà della Valle del Serchio, che presenta realtà sanitarie molto diverse con problemi finanziari da non sottovalutare poiché alla santità stanno mancando sempre più molte risorse. È importante capire da dove ripartire per organizzare l'assistenza sanitaria. Serve una riprogrammazione che è fondamentale e una riorganizzazione della medicina territoriale caratterizzate a sua volta dalle strategie di prevenzione e di educazione alla salute. Deve essere recuperato il concetto del servizio sanitario nazionale solidaristico che non può avvenire senza un'adeguata formazione delle professionalità. Al territorio inoltre, devono essere garantiti servizi di qualità e investimenti a lungo termine e soprattutto va rinforzato il senso di appartenenza, di fiducia e di sicurezza tra medico e cittadino.

Pin It
  • Galleria:
Tuttonatura
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Sabato 1° giugno alle ore 18 prenderà vita l’evento “Un mare…

Noi ci abbiamo provato - esordisce il candidato a sindaco Indro Marchi - abbiamo invitato ad  un confronto…

Spazio disponibilie

Continuano gli incontri e le occasioni di confronto sul territorio per il candidato sindaco Patrizio Andreuccetti…

Spazio disponibilie

Oggi, sabato 25 maggio, giornata di svolgimento delle esequie dell’operaio tragicamente scomparso…

L'assemblea del Gal Montagnappennino ha rinnovato il suo organo direttivo e confermato alla guida dell'ente la presidente Marina…

Continua la campagna elettorale Democrazia Sovrana Popolare (DSP). Dopo aver raggiunto il numero di firme necessarie per partecipare…

Pioggia, temporali anche forti interesseranno buona parte della Toscana a partire dalle 12 di oggi, lunedì 20 maggio…

Spazio disponibilie

La campagna elettorale è entrata nel vivo e sono proseguiti, per tutta la settimana,…

"La fabbrica KME di Fornaci di Barga chiusa fino a lunedì è l'emblema di questo tristissimo momento, che…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie